Cerca facile per: Diritto Fallimentare

Corte di Cassazione (16683/2018) - Il limite di fallibilità previsto dall'art. 15, comma 9, l.fall. relativo ad un’esposizione debitoria superiore ad euro trentamila non è oggetto di onere probatorio posto a carico del fallendo ex art. 2697, comma 2, c.c.

Cassazione civile, sez. I, 25 Giugno 2018, n. 16683. Est. Pazzi.

Limite di fallibilità previsto dall'art. 15, comma 9, l.fall. - Esposizione debitoria complessiva superiore ad euro trentamila - Onere di accertamento a cura del tribunale

Data di riferimento: 
25/06/2018
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (20896/2019) – Ripianamento, al fine di costituire una contestuale ipoteca, di un preesistente debito tramite concessione da parte della banca di nuovo credito al cliente: operazione che non da vita ad un nuovo mutuo.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 05 agosto 2019, n. 20896 – Pres. Rosa Maria Di Virgilio, Rel. Aldo Angelo Dolmetta.

Scoperto di conto corrente – Banca - Ripianamento mediante concessione di nuovo finanziamento -  Scopo - Sostituzione di debito non  garantito con altro interamente garantito – Operazione non effettuata mediante trasferimento di denaro – Mero appostamento contabile in "dare"- Possibile considerazione quale nuovo contratto di mutuo – Esclusione.

Data di riferimento: 
05/08/2019
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (13391/2019) – Concordato preventivo e nuova finanza costituita dall’apporto dei beni personali dei soci.

Cassazione civile, sez. I, 17 Maggio 2019, n. 13391. Est. Paola Vella.

Concordato preventivo - Apporto di beni personali dei soci illimitatamente responsabili – Nuova finanza incidente nell’attivo patrimoniale – Esclusione.

Data di riferimento: 
17/05/2019
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Giustizia UE – Domanda del curatore fallimentare di risarcimento dei danni per responsabilità da fatto illecito e regolamento CE applicabile .

Corte di Giustizia dell'Unione Europea, Prima Sezione, 06 febbraio 2019,  Causa C- 535/17 – Pres. Rel. R. Silva de Lapuerta.   

Fallimento di un ufficiale giudiziario – Fatto illecito commesso dallo stesso - Domanda del curatore di riscarcimento danni –  Decisione in materia civile e commerciale - Regolamento CE n. 44/2001 – Applicabilità – Regolamento CE n. 1346/2000 relativo alle procedure d'insolvenza  - Inconferenza.

Data di riferimento: 
06/02/2019
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (30824/2018) – Non compensabilità del debito nei confronti della massa dei creditori con crediti vantati verso il fallito essendo la compensazione consentita tra i debiti ed i crediti scaturenti da rapporti intercorsi con il fallito.

Cassazione civile, sez. I, 28 Novembre 2018, n. 30824. Est. Terrusi.

Inefficacia ex art. 64 l.fall. - Obbligo restitutorio conseguente all’esercizio dell’azione - Contemporanea esistenza di crediti vantati verso il fallito, ammessi al passivo, - Compensabilità – Esclusione.

Data di riferimento: 
28/11/2018
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (15082/2018) - Pagamento eseguito mediante l'invio di assegno bancario tratto da un terzo e revocabilità, nel concorso di tutti i necessari presupposti, in quanto da considerarsi adempimento diretto del debitore.

Cassazione civile, sez. I, 11 Giugno 2018, n. 15082. Est. Campese.

Revocatoria fallimentare di pagamento eseguito mediante invio di assegno bancario tratto da un terzo - Qualificazione - Pagamento diretto del debitore - Pagamento del terzo - Non configurabilità.

Data di riferimento: 
11/06/2018
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (20895/2019) – Fallimento e insinuazione al passivo di crediti bancari garantiti sia da clausola di pegno omnibus sia da altre clausole più specifiche: propagabilità o meno della nullità parziale ex art. 1419 c.c.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 05 agosto 2019, n. 20895 – Pres. Rosa Maria Di Virgilio, Rel. Aldo Angelo Dolmetta.

Fallimento – Insinuzione al passivo –- Crediti bancari di tipo diverso – Contesto contrattuale  -  Pegno omnibuse altre clausole più specifiche – Contestuale presenza -  Riconoscimento del privilegio pignoratizio – Ruolo della clausola omnibus e  propogazion della nullità parziale di questa – Problematica da risolversi.

Data di riferimento: 
05/08/2019
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (19515/2019) - Onere della prova a carico del curatore in relazione all’eventus damni nell’ipotesi di revocatoria ordinaria di un atto di disposizione patrimoniale compiuto da società di capitali.

Cassazione civile, sez. III, 19 Luglio 2019, n. 19515. Est. Francesca Fiecconi.

Revocatoria ordinaria di un atto di disposizione- Esperimento da parte del curatore fallimentare di società di capitali - "Eventus damni" - Onere della prova a carico del curatore – Fattispecie.

Data di riferimento: 
19/07/2019
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (16565/2018) - Rimessa effettuata con denaro proveniente dalla vendita del bene dato in pegno e revocatoria fallimentare.

Cassazione civile, sez. I, 22 Giugno 2018, n. 16565. Est. Campese.

Revocatoria fallimentare di rimessa in conto corrente – Rimessa con denaro proveniente dalla vendita di un bene costituito in pegno consolidatosi in favore della banca - Revocabilità – Sussistenza.

Data di riferimento: 
22/06/2018
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (14681/2018) - Prova dell’effettivo svolgimento di attività commerciale da parte del socio nell’ipotesi di revocatoria fallimentare di atti compiuti tra coniugi ex art. 69 l. fall. nel testo originario applicabile “ratione temporis”

Cassazione civile, sez. I, 06 Giugno 2018, n. 14681. Est. Pazzi.

Revocatoria fallimentare di atti compiuti tra coniugi ex art. 69 l.fall. nel testo originario applicabile “ratione temporis” – Atto compiuto dal socio di società di fatto fallita – Prova da parte della curateladell’effettivo svolgimento di attività commerciale da parte del socio al momento del compimento dell’atto revocando – Necessità

Data di riferimento: 
06/06/2018
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine