Corte di Cassazione - Sospensione dell'aggiudicazione e reclamo al giudice delegato.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
19/10/2011

Reclamo art.36

Corte di Cassazione, sez. I civile, 19 ottobre 2011, n. 21645
Pres. dott. Carnevale
Rel. dott. Zanichelli

La mancata fissazione di un termine entro il quale il curatore è abilitato a sospendere l'aggiudicazione in esito alla gara a fronte di un'offerta migliorativa, ai sensi dell'art. 107 co. 4 l.f., è compatibile con il diritto dell'aggiudicatario al trasferimento del bene; un'eventuale non giustificabile ritardo del curatore nel procedere al completamento delle operazioni di trasferimento del bene può essere oggetto di reclamo dell'aggiudicatario al giudice delegato, ai sensi dell'art. 36 l.f., previa scadenza del termine di una diffida a provvedere, configurandosi, in ipotesi, una violazione di legge sotto il profilo della violazione dell'obbligo di correttezza e buona fede.

(dott.ssa Giulia Gabassi - riproduzione riservata)

Si veda anche in questo sito il provvedimento del Tribunale di Pordenone del 2.2.2010. 

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: 
AllegatoDimensione
PDF icon Corte di Cassazione 19 ottobre 2011 21645.pdf273.82 KB
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]