Tribunale di Sulmona – Accordo di risoluzione della crisi da sovraindebitamento: possibile integrazione, in sede di ricorso, della documentazione necessaria a far considerare fattibile la proposta

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
21/07/2017

Tribunale di  Sulmona, 21 luglio 2017 – Pres. Rel. Daniele Sodani, Giud. Alessandra De Marco e Giuseppe Ferruccio.

Crisi da sovraindebitamento – Proposta di accordo coi creditori – Carenza documentale – G.D. -  Rigetto – Proposizione del ricorso – Deposito di documentazione integrativa – Riconoscimento della fattibilità della proposta – Tribunale – Adozione dei provvedimenti funzionali alla procedura.

I documenti prodotti dal debitore, in sede di reclamo ex art . 737 e ss. c.p.c. avverso la pronuncia di inammissibilità del ricorso proposto ai sensi dell’art. 10 L.27 gennaio 2012 n. 3, in conformità alla statuizione del Giudice Delegato e ad integrazione di quelli in precedenza depositati, possono far ritenere dal tribunale fattibile l’accordo di composizione della crisi proposto dal debitore, con consequenziale adozione da parte dello stesso tribunale dei provvedimenti funzionali al proseguimento della procedura. (Pierluigi Ferrini – Riproduzione riservata)

 

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/18321.pdf

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: