Corte di Cassazione (1895/2018) – In caso di rigetto dell’opposizione allo stato passivo non consegue l’obbligo per l’opponente di versare, ai sensi dell'art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, un ulteriore importo a titolo di contributo unif

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
25/01/2018

Cassazione civile, sez. I, 25 Gennaio 2018, n. 1895. Pres. Antonio Didone, rel. Aldo Angelo Dolmetta.

Opposizione allo stato passivo - Rigetto dell’opposizione – Esclusione del raddoppio del contributo unificato ex art. 13, comma 1-quater del d.P.R. n. 115 del 2002 –

Le controversie in materia di opposizione allo stato passivo non rientrano tra i giudizi di impugnazione in senso proprio, trattandosi piuttosto di un gravame che apre la fase a cognizione piena, sicché al rigetto del ricorso ex art. 98 l.fall. non consegue l’obbligo per l’opponente di versare, ai sensi dell'art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, un ulteriore importo a titolo di contributo unificato. (massima ufficiale)

http://mobile.ilcaso.it/sentenze/ultime/19525

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: 
Articolo Legge: