Tribunale di Verona – Possibilità per la persona fisica che possa contare solo sui suoi futuri stipendi di proporre domanda di liquidazione ex art. 14 ter L. 3/2012 per la composizione del suo stato di crisi da sovraindebitamento.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
21/12/2018

Tribunale di Verona, 21 dicembre 2018 – Pres. Monica Attanasio, Rel. Silvia Rizzuto, Giud. Pier Paolo Nanni.

Sovraindebitamento – Composizione della crisi – Debitore -  Domanda di liquidazione ex art. 14 ter L. 3/2012 – Possibilità di fare affidamento sul suo futuro stipendio – Assenza di beni – Accesso alla procedura - Ammissibilità – Analogia con l'istanza di fallimento  in proprio.

Stante che l'istituto della liquidazione, come previsto dall'art. 14 ter della L. 3/2012 per la risoluzione della crisi da sovraindebitamento del debitore persona fisica non in esercizio di impresa,  è strutturato secondo uno schema mutuato dal fallimento (nomina del professionista, formazione dello stato passivo, programma di liquidazione, liquidazione competitiva dei beni e conseguente cancellazione di trascrizioni e iscrizioni pregiudizievoli, esdebitazione solo eventuale all'esito della liquidazione) e posto che la dichiarazione di fallimento non è preclusa dall'assenza di beni in capo al fallito onde all'imprenditore privo di beni mobili registrati e di immobili è consentito di proporre,  anche in tal caso, istanza di fallimento in proprio, si deve ritenere che la strada della liquidazione non sia preclusa neppure al sovraindebitato che si trovi in una analoga situazione [nello specifico, pertanto, il tribunale, in accoglimento del reclamo proposto dal debitore avverso la mancata sua ammissione da parte del Giudice delegato alla procedura di liquidazione, ha dichiarato aperta  quella procedura, seppure  il richiedente, avendo messo a disposizione il suo solo stipendio, detratto quanto necessitava al mantenimento suo e della sua famiglia, potesse contare solo su crediti futuri derivanti dal suo rapporto di lavoro]. (Pierluigi Ferrini – Riproduzione riservata)

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/21128.pdf  

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: