Corte di Cassazione (31195/2018) - Idoneità degli estratti conto, se non contestati dal curatore, a supportare la richiesta di una banca di insinuazione al passivo del saldo negativo del conto corrente di cui il fallito era titolare.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
03/12/2018

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 03 dicembre 2018 n. 31195 – Pres. Carlo De Chiara, Rel. Alberto Pazzi.

Fallimento di un correntista – Stato passivo – Banca – Saldo negativo del conto corrente - Insinuazione al passivo – Messa a disposizione degli estratti conto – Mancata contestazione da parte del curatore -  Idoneità a costituire prova del credito – Integrazione documentale – Presupposto non necessario.

Nell'insinuare al passivo fallimentare il credito derivante da saldo negativo di conto corrente la banca ha l'onere di dare conto dell'intera evoluzione del rapporto tramite il deposito degli estratti conto integrali; il curatore, eseguite le verifiche di sua competenza, ha l'onere di sollevare specifiche contestazioni in relazione a determinate poste, in presenza delle quali la banca ha a sua volta l'onere di integrare la documentazione, o comunque la prova, del credito relativamente alle contestazioni sollevate; il giudice delegato o, in sede di opposizione, il Tribunale, in mancanza di contestazioni del curatore, è tenuto a prendere atto dell'evoluzione storica del rapporto contrattuale come rappresentata negli estratti conto, pur conservando il potere di rilevare d'ufficio ogni eccezione non rimessa alle sole parti, che si fondi sui fatti in tal modo acquisiti al giudizio. (Principio di diritto) [nello specifico, la Suprema Corte, ha rilevato che il provvedimento impugnato non si era attenuto a questo principio assumendo l'inidoneità degli estratti conto prodotti dalla banca, pur in mancanza di specifiche contestazioni del curatore, a fornire la prova dell'evoluzione del rapporto di conto corrente e dell'esistenza del credito finale e aveva così erronemente addossato al creditore istante un onere di integrazione del materiale istruttorio già depositato non correlato al contenuto dei rilievi compiuti dal curatore rispetto alle risultanze degli estratti conto messi a disposizione della procedura; alla luce di ciò ha rinviato la causa alla Corte d'Appello in diversa composizione per un riesame della causa](Pierluigi Ferrini – Riproduzione riservata) 

http://mobile.ilcaso.it/sentenze/ultime/21399/Bancario

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: