Corte di Cassazione (10523/2019) Legittimazione del liquidatore di società di capitali a proporre istanza di fallimento in proprio ex art. 6 l.fall. senza che detta legittimazione possa essere avocata dall'assemblea o dai singoli soci.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
15/04/2019

Cassazione civile, sez. I, 15 Aprile 2019, n. 10523. Pres. Antonio Didone, rel. Massimo Falabella.

Liquidatore di società di capitali - Legittimazione a proporre istanza di fallimento in proprio – Sussistenza.

La legittimazione a proporre istanza di fallimento in proprio, ex art. 6 l.fall., nel caso di società di capitali posta in liquidazione spetta direttamente al suo liquidatore, il quale è investito, ai sensi dell'art. 2489, comma 1, c.c., del potere di compiere ogni atto utile per la liquidazione della società, senza che detta legittimazione possa essere avocata dall'assemblea o dai singoli soci. (massima ufficiale)

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/21744.pdf

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: