Corte di Cassazione (11954/2018) – Domanda dell'agente della riscossione volta a ottenere l'ammissione al passivo di un credito previdenziale iscritto a ruolo: documentazione necessaria.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
16/05/2018

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 16 maggio 2018, n. 11954 – Pres. Antonio Didone, Rel. Alberto Pazzi.

Fallimento stato passivo – Credito previdenziale -  Cartella ritualmente notificata al curatore e non impugnata nei termini di legge – Istanza di ammissione al passivo – Produzione del solo ruolo – Sufficienza- Curatore - Contestazione dell'esistenza del credito – Produzione anche di altri documenti - Solo caso in cui è richiesta.

In tema di crediti previdenziali iscritti a ruolo ex art. 24 d.lgs. n. 46 del 1999, rientranti nella giurisdizione del giudice ordinario ed oggetto di una cartella ritualmente notificata al curatore e non impugnata nei termini di legge, la pretesa creditoria deve essere ammessa al passivo, ex art. 87 d.P.R. n. 602 del 1973, sulla base del solo ruolo, essendo il concessionario tenuto ad aggiungere ulteriori documenti giustificativi solo nel caso in cui il curatore, in sede di accertamento concorsuale, contesti l'esistenza del credito a cui il ruolo si riferisce. (Massima ufficiale)

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/22202.pdf

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: