Tribunale di Padova – Inserimento di un accordo di ristrutturazione dei debiti nell'ambito della fase esecutiva di un concordato in continuità: possibile accettazione delle nuove condizioni da parte dei creditori.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
17/01/2020

Tribunale di Padova,  Sez. I civ., 17 gennaio 2020 - Pres. Giovanni Giuseppe Amenduni, Giud. Maria Antonia Maiolino e Manuela Elburgo.

Concordato in continuità omologato - Fase esecutiva - Debitore - Difficoltà di rispettare gli impegni assunti - Proposizione di un accordo di ristrutturazione - Ammissibilità -  Accettazione o meno da parte dei creditori - Conseguenze che ne derivano.

Si deve considerare ammissibile, nell'ambito della fase esecutiva di un concordato in continuità che sia stato omologato, l'inserimento di un accodo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis L.F., che coinvolga la maggior parte dei creditori, o addirittura tutti, laddove si riveli necessario al fine che il proponente possa adempiere agli impegni assunti con il piano concordatario, sia in quanto non è a ciò ostativo il disposto dell'art. 185 L.F., sia in quanto soluzione che non appare diversa dall'ipotesi di accordi specifici con in singoli creditori. In tal caso, i creditori concordatari sono liberi di accettare la modifica del piano e di aderire alla proposta di ristrutturazione secondo le nuove condizioni  (ed in tal caso, però, perchè possa considerarsi raggiunta la percentuale del 60% dei crediti si deve tener conto anche dal valore dei crediti falcidiati per effetto dell'omologa del concordato), ovvero di non aderirvi, con il conseguente diritto da parte degli stessi a conseguire quanto loro spettante nei tempi e nella misura oggetto della proposta concordataria, come omologata). (PIerluigi Ferrini - Riproduzione riservata)

http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Padova%2C%20n.%203062020.pdf

Uffici Giudiziari: 
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]
Articoli di riferimento nella legge fallimentare
Vedi anche nel Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza: