Corte di Cassazione (10867/2020) – Fallimento del debitore in precedenza assoggettato ad espropriazione presso terzi: inefficacia del pagamento eseguito, in corso di procedura a favore del creditore pignorante, dal debitor debitoris.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
08/06/2020

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 08 giugno 2020, n. 10867 – Pres. Antonio Didone, Rel. Paola Vella.

Debitore assoggettato ad espropriazione presso terzi – Assegnazione di un suo credito – Successiva dichiarazione di fallimento del debitore – Soggetto terzo, “debitor debitoris” - Pagamento al creditore assegnatario eseguito in corso di procedura - Inefficacia -  Fondamento.

In caso di fallimento del debitore già assoggettato ad espropriazione presso terzi, il pagamento eseguito dal "debitor debitoris" al creditore che abbia ottenuto l'assegnazione del credito pignorato ex art. 553 c.p.c., è inefficace, ai sensi dell'art. 44 l. fall., qualora intervenuto successivamente alla dichiarazione di fallimento, non assumendo rilievo, a tal fine, l'anteriorità dell'assegnazione, che, disposta "salvo esazione", non determina l'immediata estinzione del debito dell'insolvente, essendo l'effetto satisfattivo per il creditore procedente rimesso alla riscossione del credito, ossia ad un momento che, in quanto posteriore alla declaratoria fallimentare, sconta la sanzione dell'inefficacia. (Massima ufficiale)

   http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/24986.pdf

 

[cfr. in questa rivista: Cassazione civile, Sez. I, 31 marzo 2011 n. 7508https://www.unijuris.it/node/1624 e Cassazione civile, Sez. VI, 22 Gennaio 2016, n. 1227https://www.unijuris.it/node/3529].

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: 
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]
Articoli di riferimento nella legge fallimentare
Vedi anche nel Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza: