Corte di Cassazione (32280/2022) – Fallimento: ai fini del riscontro dello stato di insolvenza in cui versa un'impresa, l'avvenuto affitto dell'azienda a terzi non equivale a uno stato di scioglimento e di liquidazione.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
02/11/2022

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 02 novembre 2022, n. 32280 – Pres. Andrea Scaldaferri, Rel. Roberto Amatore.

Fallimento – Riscontro dello stato d'insolvenza – Avvenuta stipula di un contratto d'affitto dell'azienda a terzi – Stato di inattività equiparabile a quello di scioglimento e liquidazione – Esclusione – Conseguenza - Inutilizzabilità del criterio basato sul rapporto tra attività e passività – Impotenza strutturale a soddisfare con mezzi normali le proprie obbligazioni – Criterio da adottarsi.

In tema di fallimento, lo stato di insolvenza delle società che siano inattive per aver concesso in affitto l’azienda a terzi, ma non si trovino in stato liquidazione, va desunto non già dal rapporto tra attività e passività, bensì dall'impossibilità dell'impresa di continuare ad operare proficuamente sul mercato, che si traduca in una situazione d'impotenza strutturale e non transitoria a soddisfare regolarmente e con mezzi normali le proprie obbligazioni, per il venir meno delle condizioni di liquidità e di credito necessarie allo svolgimento dell'attività. (Massima Ufficiale) [nello specifico la Corte ha affermato che non era condivisibile la tesi, prospettata da parte ricorrente, secondo la quale  la sola conclusione di un contratto di affitto a terzi della propria azienda introdurrebbe la società in uno stato di “liquidazione di fatto”, cui dovrebbe conseguire l'applicazione della regola in tema di insolvenza cd. “statica”, vale a dire basata sul rapporto tra attività e passività; insolvenza “statica” che trova fondamento nella modifica dell’oggetto sociale che si verifica nella società in stato di scioglimento e di liquidazione e che, viceversa, non può ritenersi operante per effetto del solo affitto d'azienda che, in sé, integra un atto di gestione della società mediante un utilizzo indiretto dei propri beni strumentali, per il periodo di vigenza del contratto]. (Pierluigi Ferrini – Riproduzione riservata)

https://www.dirittodellacrisi.it/articolo/cass-sez-1-2-novembre-2022-n-32280-pres-scaldaferri-est-amatore

[in tema di diversi presupposti per il riconoscimento dello stato d'insolvenza di imprese in stato di liquidazione e in attività, cfr. in questa rivista, rispettivamente: quale insolvenza “statica”, Corte di Cassazione, Sez. I civ., 07 dicembre 2016 n. 25167 https://www.unijuris.it/node/3746 e Corte di Cassazione, Sez. VI civ., 05 novembre 2020, n. 24660 https://www.unijuris.it/node/5469; e quale insolvenza “dinamica”, Corte di Cassazione, Sez. 1, 3 marzo 2022, n. 7087 https://www.unijuris.it/node/6178 e Corte di Cassazione, Sez. I civ., 20 novembre 2018 n. 29913   https://www.unijuris.it/node/4501].

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: 
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]
Articoli di riferimento nella legge fallimentare
Vedi anche nel Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza: