concordato preventivo

Agenzia delle Entrate – Concordato preventivo – Non concorrenza alla formazione della base imponibile IRAP delle sopravvenienze attive.

Agenzia delle Entrate – Concordato preventivo – Non concorrenza alla formazione della base imponibile IRAP delle sopravvenienze attive.

  Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui redditi e sulle attività produttive Ufficio Reddito d’impresa - Risposta n. 5378/2014 ad interpello.

 Le sopravvenienze attive conseguite a seguito dell’omologa del concordato preventivo e derivanti dalla falcidia dei debiti verso i creditori non concorrono alla formazione della base imponibile IRAP.

Le slides del convegno di Udine del 13 settembre 2013

Riportiamo il file con le slides utilizzate dal prof. Sido Bonfatti, ordinario di diritto commerciale all'università di Modena e Reggio Emilia ed avvocato del foro di Modena nel convegno organizzato da “Unijuris.it” e da “ILCASO.it” tenutosi a Udine in data 13 settembre 2013 nel quale ha affrontato il tema del concordato preventivo con riserva e con continuità ed il tema dei contratti in corso di esecuzione nel concordato preventivo.

Conversione in legge del "Decreto Fare" - Modifiche in tema di concordato preventivo all'art. 161 l.f.

Decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (in S.O. n. 50/L alla Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 144 del 21 giugno 2013), coordinato con la legge di conversione 9 agosto 2013, n. 98, recante: «Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia». (GU Serie Generale n.194 del 20-8-2013 - Supplemento Ordinario n. 63)

Entrata in vigore del provvedimento: 21 agosto 2013

 

Le modifiche apportate dal decreto legge 22 giugno 2012, n. 83 convertito con legge n. 143/2012.

Si allega il file con indicate in grassetto le norme modificate dall'art. 33 del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83 pubblicato in G.U. 26.06.2012 (decreto sviluppo) ed in giallo le norme modificate dalla successiva legge di conversione n. 143/2012 pubblicata in G.U. in data 11.08.2012.

Si fa presente che nella norma a carattere transitorio di cui al n. 3 dell'art. 33 del "decreto sviluppo" si dispone che:

Il calcolo dei compensi spettanti ai curatori fallimentari.

Il decreto del Ministero della Giustizia 25 gennaio 2012 n. 30, pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 26 marzo 2012, ha aggiornato i compensi spettanti ai curatori fallimentari e rideterminato i compensi nelle procedure di concordato preventivo.

Alleghiamo il testo del decreto e due files excel con le formule per la determinazione automatica dei compensi.

Pagine