Interruzione del processo

Corte di Cassazione (1083/2016) Effetti sul giudizio d'appello pendente dello scioglimento d'ufficio ex art. 2545 septiesdecies c.c. della società cooperativa posta in liquidazione coatta amministrativa.

Cassazione civile, sez. I, 21 Gennaio 2016, n. 1083. Est. Maria Cristina Giancola.

Liquidazione coatta amministrativa per scioglimento di società cooperativa ex art. 2545 septiesdecies c.c. - Giudizio d'appello pendente - Prosecuzione nei confronti del commissario liquidatore.

Data di riferimento: 
21/01/2016

Corte di Cassazione – Domanda di risarcimento, in sede ordinaria, del danno derivante dalla circolazione dei veicoli, proposta dal danneggiato nei confronti del responsabile nel frattempo fallito, e vis attractiva del foro fallimentare.

 

Corte di Cassazione, Sez. III civ., 08 gennaio 2016 n. 128 – Pres. Chiarini, Rel. Sestini.

 

Assicurazione volontaria – Copertura della responsabilità civile – Indennità dovuta all’assicurato  dall’assicuratore – Privilegio ex art. 2767 c.c. – Finalità -   Assicurazione obbligatoria – Responsabilità derivante dalla circolazione di veicoli e natanti – L. 990/69 - Azione diretta nei confronti dell’assicuratore – Riconoscimento del privilegio – Irrilevanza.

 

Data di riferimento: 
08/01/2016

Tribunale di Asti – Fallimento e interruzione automatica del processo: decorrenza del termine di riassunzione dalla conoscenza legale dell’evento.

Tribunale di Asti 18 maggio 2015 - Est. Mussa.

Apertura del fallimento – Art. 43, terzo comma, L.F. - Interruzione ex lege del processo – Sopravvivenza della rappresentanza processuale – Tutela degli interessi dei creditori - Obbligo di informazione del curatore.

Apertura del fallimento - Interruzione automatica del processo - Prosecuzione   o riassunzione – Termine di tre mesi – Analogia con le altre ipotesi di interruzione ex lege – Identica ratio.

Data di riferimento: 
18/05/2015

Tribunale di Taranto – Apertura del fallimento, interruzione del processo e decorrenza del termine per la riassunzione.

Tribunale di Taranto, 16 aprile 2015 – Giudice G. Puzzovio.

Fallimento – Dichiarazione di fallimento – Rapporti tra procedure – Interruzione del processo – Automaticità – Riassunzione – Decorrenza del termine.

Fallimento – Dichiarazione di fallimento – Rapporti tra procedure – Interruzione del processo – Automaticità – Riassunzione ad opera del Curatore – Decorrenza del termine.

Data di riferimento: 
16/04/2015

Cassazione Civile – Apertura del fallimento e perdita di legittimazione processuale del debitore: inopponibilità della sentenza alla massa dei creditori.

Cassazione Civile, Sez. VI, ord. n. 21363, 9 ottobre 2014, Pres. Di Palma, Rel. Scaldaferri.

Dichiarazione di fallimento – Interruzione del processo – Perdita di legittimazione processuale del debitore – Art. 43 l. fall. – Inopponibilità alla massa dei creditori.

Data di riferimento: 
09/10/2014

Tribunale di Roma – Fallimento e interruzione del processo: rilevanza ai fini dell’estinzione della conoscenza legale dell’evento interruttivo e della pendenza dello specifico processo.

Tribunale di Roma, 2 aprile 2014. 

Interruzione del processo – Art. 43 l. fall. -  Conoscenza effettiva e legale dell’evento interruttivo – Conoscenza della pendenza dello specifico processo – Pubblicazione della sentenza di fallimento. 

Data di riferimento: 
02/04/2014

Tribunale di Milano – Interruzione del processo per intervenuto fallimento e decorrenza del termine per la riassunzione.

Tribunale di Milano, 27.3.2014 – Est. Crugnola.

Fallimento – Interruzione del processo per intervenuto fallimento – Termine per la riassunzione – Dies a quo – Data in cui la parte interessata è stata portata a conoscenza dell’intervenuto fallimento.

Data di riferimento: 
27/03/2014

Tribunale di Busto Arsizio – Azione ex art. 2932 c.c. riassunta contro società fallita: problematiche. Improcedibilità della domanda giudiziale di condanna di società fallita al risarcimento dei danni formulata davanti al giudice ordinario.

 

Trib. di Busto Arsizio, 26 febbraio 2014, n. 252, G.U. dott.ssa Sabrina Passafiume 

            Esecuzione specifica dell’obbligo di concludere un contratto ai sensi dell’art. 2932 cod. civ. – Presupposti – Serietà dell’offerta di pagamento del prezzo 

            Domanda giudiziale di condanna al risarcimento di danni – Sopravvenuto fallimento del convenuto – Improcedibilità – Insinuazione al passivo fallimentare – Necessità  

Data di riferimento: 
26/02/2014

Corte d’Appello di Trieste – Efficacia della sentenza accertativa dei debiti della società cancellata dal registro delle imprese e dichiarazione di fallimento.

Reclamo ex art. 18 l.fall.

Corte d’Appello di Trieste, Sez. II civ., sent., 28 agosto 2013, Pres. Rel. Drigani.

Cancellazione dal registro delle imprese – Antecedente – Sentenza accertativa di debiti sociali – Presupposto per il fallimento.

Dichiarazione di fallimento:presupposti – Art. 1, comma 2, l.fall. – Attivo patrimoniale - Mancato superamento della soglia di euro trecentomila - Triennalità.

Data di riferimento: 
28/08/2013

Pagine