Tribunale di Udine, tardiva

Tribunale di Udine – Domande supertardive di insinuazione al passivo.

Tribunale di Udine, 8 maggio 2013 – Pres. Bottan, Rel. Pellizzoni

 Insinuazione al passivo – Domande tardive – Termine ultimo – Decadenza – Domande ultratardive – Ritardo non imputabile – Riammissione in termini – Art. 294 c.p.c.

 Insinuazione al passivo – Domande tardive – Termine di dodici o diciotto mesi – Decorrenza dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo – Decorrenza dalla data in cui viene meno la causa non imputabile.

Data di riferimento: 
08/05/2013

Trib. Udine – Domande tardive e decorrenza del termine per la presentazione.

Tribunale di Udine, 9 maggio 2011  - Pres. dott.ssa A. Bottan, rel. dott. G. Pellizzoni

Il termine ultimo per la presentazione delle domande tardive di dodici ( o diciotto ) mesi non necessariamente deve decorrere dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo, ma può anche decorrere - in determinate ipotesi - dalla data in cui viene meno la causa non imputabile, che ha determinato l'impedimento alla presentazione della domanda tempestiva. ( dott.ssa Giulia Gabassi - Riproduzione riservata)

Data di riferimento: 
09/05/2011

Tribunale di Udine - Reclamo contro il progetto di riparto: non accoglibilità.

 Tribunale di Udine, 02 ottobre 2008 - dott. Gianfranco Pellizzoni

Non appare meritevole di accoglimento il reclamo avverso il progetto di ripartizione parziale nell'ipotesi in cui sia presumibile che il creditore tardivo non ancora ammesso, con il successivo riparto, possa ricevere quanto a lui sarebbe spettato nel precedente riparto parziale.

Data di riferimento: 
02/10/2008