compensazione

Corte di Cassazione (6918/2016) – Irripetibilità a titolo di indebito oggettivo del pagamento eseguito dal debitore poi fallito in forza di decreto provvisoriamente esecutivo prima del fallimento.

Cassazione civile, sez. I, 08 Aprile 2016, n. 6918. Pres. Antonio Didone, rel. Rosa Maria Di Virgilio.

Pagamento eseguito dal debitore poi fallito in forza del decreto provvisoriamente esecutivo prima del fallimento - Ripetibilità a titolo di indebito oggettivo - Esclusione - Azione revocatoria - Ammissibilità

Data di riferimento: 
08/04/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte d'Appello di Milano – Inammissibilità della compensazione tra crediti anteriori e crediti sorti nel corso della procedura concordataria. Rispetto delle regole del concorso ed eccezioni possibili.

 

Corte d'Appello di Milano 23 febbraio 2016 – Pres. Marescotti, Est. Fiecconi.

 

Concordato preventivo – Compensazione tra crediti anteriori e crediti sorti nel corso della procedura – Deroga alla regola del concorso – Inammissibilità.

 

Concordato preventivo – Concorso necessario– Debiti prededucibili – Eccezione alla regola – Autorizzazione del giudice delegato – Necessità.

 

Data di riferimento: 
23/02/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (3336/2016) –Amministrazione controllata seguita da fallimento: istanza di restituzione dell’importo delle ricevute incassate in esecuzione di un contratto di anticipazione bancaria.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 19 febbraio 2016 n. 3336 – Pres. Salvatore Di Palme, rel. Antonio Didone.

Contratto di anticipazione bancaria regolata in conto corrente – Patto  di compensazione o di annotazione ed elisione nel conto - Correntista - Amministrazione controllata – Assoggettamento - Successivo fallimento –  Banca – Incasso di ricevute bancarie – Mancata restituzione delle somme riscosse – Compensazione del debito con crediti regolati in c.c. – Legittimità.

Data di riferimento: 
19/02/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione – Bancarotta “riparata”: irrilevanza penale della distrazione in ipotesi di restituzione mediante compensazione, prima della sentenza dichiarativa del fallimento, dei beni o dei valori distratti.

 

Corte di Cassazione, Sez. V pen.,  05 febbraio 2016 n. 4790 -Pres. Nappi, Rel. Zaza.

 

Fallimento – Amministratore della fallita – Imputazione di bancarotta impropria da reato societario -  Restituzione del debito da parte della beneficiaria -  Anteriorità rispetto alla sentenza dichiarativa del fallimento – Esclusione della rilevanza penale della condotta – Restituzione anche tramite compensazione – Ammissibilità.

 

Data di riferimento: 
05/02/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione – Revocatoria: giroconto e compensazione tra conti ex art. 1853 c.c.

Cassazione Civile, Sez. I, 14 gennaio 2016, n. 512 – Pres. A. Ceccherini, Est. A. Nappi.

Fallimento – Contratti bancari – Operazioni in conto corrente – Pluralità di conti correnti – Compensazione – Art. 1853 c.c. – Presupposti – Esigibilità dei crediti.

Fallimento – Contratti bancari – Operazioni in conto corrente – Pluralità di conti correnti – Compensazione – Art. 1853 c.c. – Presupposti – Esigibilità dei crediti – Giroconto – Estinzione del debito del fallito – Azione revocatoria – Revocabilità – Esclusione. 

Data di riferimento: 
01/01/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Udine – Stato passivo: ammissione del credito in misura maggiore rispetto al petitum, vizio di ultrapetizione e giudicato endofallimentare.

Tribunale di Udine, 23 novembre 2015 – Pres. dott. Venier, rel. dott. Zuliani.

Stato passivo – Petitum – Ammissione in misura maggiore – Ultrapetizione.

Stato passivo – Petitum – Ammissione – Revocabilità dei pagamenti – Giudicato endofallimentare – Insussistenza.

Stato passivo – Petitum – Ammissione ultra petita – Opposizione – Interesse ad agire del creditore – Sussistenza.

 

Data di riferimento: 
23/11/2015
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Bergamo – Eccezioni al divieto ex art. 168 L.F. in ipotesi di pegno irregolare e di garanzia finanziaria. Inapplicabilità delle norme che regolano la realizzazione del pegno in caso di fallimento e di concordato preventivo.

 

Tribunale di Bergamo 22 ottobre 2015 – Pres. Vitiello, Est. Golinelli.

 

Concordato preventivo – Divieto di azioni esecutive – Eccezioni - Pegno irregolare e garanzia finanziaria – Soddisfazione diretta – Ammissibilità.

 

Costituzione di pegno irregolare - Fallimento e concordato preventivo – Disposizioni sulle modalità di realizzazione della garanzia – Artt. 53 e 56 L.F. – Inapplicabilità.

 

Data di riferimento: 
22/10/2015
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Reggio Emilia – Concordato preventivo ed istanza di sospensione di contratti bancari non accoglibile, formulata chiedendone l’accoglimento “inaudita altera parte”.

Tribunale di Reggio Emilia 08 luglio 2015 – Pres. Rosaria Sevastano - Rel. Luciano Varotti.

Concordato preventivo – Contratti bancari – Istanza di sospensione – Pendenza dei rapporti – Audizione dell’altro contraente – Presupposti necessari per l’accoglimento.

Data di riferimento: 
08/07/2015
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Ancona – Concordato preventivo: convenzione di anticipazione bancaria e ipotesi di compensazione tra operazioni di accredito anteriori all’ammissione alla procedura e riscossioni successive.

Tribunale di Ancona 03 giugno 2015 – Pres. Mario Vincenzo D’Aprile, Est. Manuela Mari.

Concordato preventivo - Contratto di anticipazione su ricevute bancarie - Patto di compensazione o elisione nel conto di partite di segno opposto – Efficacia – Anticipazioni e riscossioni  - Anteriorità e posteriorità rispetto all’ammissione - Banca – Diritto a compensare. 

Data di riferimento: 
03/06/2015
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Vicenza - Istanza di concordato con cessione dei beni e contestuale richiesta di scioglimento dai contratti ex art. 169 bis L.F.; in particolare anticipazione bancaria e mandato all’incasso.

Tribunale di Vicenza 28 maggio 2015 – Giudice dott. Giulio Borella

Concordato preventivo – Istanza di scioglimento dei contratti in corso  ex art. 169 bis L.F. – Provvedimento autorizzativo del G.D. – Insufficienza – Esercizio del recesso nei confronti del contraente in bonis – Comunicazione alla controparte.

 

Concordato preventivo – Istanza di scioglimento dei contratti in corso  ex art. 169 bis L.F. – Effetto – Irretroattività.

 

Data di riferimento: 
28/05/2015
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine