competenza

Corte di Cassazione – Fallimento di società con sede formalmente trasferita all’estero. Irrilevanza della circostanza che il credito dell’istante risulti contestato.

 

Corte di Cassazione, SS.UU., 18 marzo 2016 n. 5419 – Pres. Maciocie, Rel. Ragonesi.

 

Dichiarazione di fallimento – Società italiana che abbia trasferito all’estero la sede – Esistenza di una diversa situazione reale – Non svolgimento all’estero di alcuna attività – Accertamento della sede effettiva – Luogo riconoscibile dai terzi di effettiva gestione – Presunzione ex all’art. 3 del Regolamento CE 29/05/2000 n. 1346 – Superamento.

 

Data di riferimento: 
18/03/2016

Corte di Cassazione – Domanda riconvenzionale del fallimento e riunione, ex art. 274, secondo comma, c.c., con il giudizio di opposizione allo stato passivo pendente.

 

Corte di Cassazione, Sez. VI civ., 26 gennaio 2016 n. 1399 -  Pres. Finocchiaro, Rel. Frasca.

 

Fallimento – Opposizione allo stato passivo ex art. 98 L.F.  - Giudizio connesso con altro pendente dinanzi alla sezione ordinaria dello stesso Tribunale -  Illegittimità della sospensione ex art. 295 c.p.c. - Processi a cognizione piena – Identità di rito – Riunione ex art. 274 c.p.c. – Decisione rimessa del capo dell’ufficio.

 

Data di riferimento: 
26/01/2016

Corte di Cassazione – Impossibilità di far valere in sede arbitrale ragioni di credito verso una società fallita o sottoposta a liquidazione coatta amministrativa.

 

Corte di Cassazione, Sez. I, 24 giugno 2015, n. 13089 – Pres. Ceccherini – Est. Didone.

 

Liquidazione coatta amministrativa -  Crediti vantati nei confronti della parte assoggettata a procedura – Attribuzione della cognizione ad arbitri – Esclusione – Inderogabilità della procedura concorsuale.

 

Data di riferimento: 
24/06/2015

Tribunale di Piacenza – Piena compatibilità ed ammissibilità dell’azione ex art. 2394 c.c. nei riguardi degli amministratori e dei sindaci di società in concordato preventivo con cessione dei beni.

 

Tribunale di Piacenza 12 febbraio 2015 – Pres. Est. Schiaffino.

 

Concordato preventivo – Effetto esdebitatorio – Pactum de non petendo  - Natura pubblicistica della procedura– Eccezioni.

 

Concordato preventivo – Azione risarcitoria nei confronti dell'amministratore – Estraneità all'accordo  – Efficacia vincolante ex art. 184 L.F. -  Esclusione - Immunità per gli organi sociali – Inammissibilità.

 

Data di riferimento: 
12/02/2015

Tribunale di Napoli Nord – Sequestro giudiziario del ramo d’azienda comprensivo del marchio, finalizzato alla revocatoria della cessione: competenza delle sezioni specializzate.

Tribunale di Napoli Nord, 11 febbraio 2015 – Pres. Sinisi, Rel. Capone.

Sequestro giudiziario del ramo d’azienda comprensivo del marchio – Proprietà industriale – Competenza delle sezioni specializzate.

Reclamo ex art. 669 terdecies c.p.c. – Eccezione di incompetenza – Nessuna preclusione.

 

Data di riferimento: 
11/02/2015

Corte d’Appello di Bologna - Termine e competenza per la dichiarazione di fallimento di società cancellata dal registro delle imprese, in particolare a seguito di trasferimento all'estero.

 

Corte d’Appello di Bologna 27 gennaio 2015 – Pres. Colonna  - Est. Pilati.

 

Fallimento – Cancellazione dal registro delle imprese – Termine annuale – Necessità della contestuale cessazione dell'attività.

 

Fallimento – Trasferimento della sede sociale all'estero - Cancellazione dal registro delle imprese – Inapplicabilità dell'art.10 L.F. - Continuità giuridica - Prosecuzione dell'attività d'impresa.

 

Data di riferimento: 
27/01/2015

Tribunale di Teramo – Concordato preventivo e rilevabilità dell’incompetenza per territorio

 

Tribunale Teramo 21 gennaio 2015 - Pres. Cappa - Est. Cirillo.

 

Concordato preventivo - Udienza ex art. 180 l.f. - Rilevabilità d'ufficio dell’incompetenza per territorio fino alla decisione

 

Nel procedimento inerente il concordato preventivo l’incompetenza territoriale è rilevabile d’ufficio dal Tribunale fino alla decisione del collegio a seguito dell’udienza ex art. 180 l.f. (Francesco Gabassi – Riproduzione riservata)

 

Data di riferimento: 
21/01/2015

Cassazione Civile – Liquidazione del compenso spettante al coadiutore del curatore: reclamo ex art. 26 l. fall.

 

Reclamo ex art. 26 l.f.

 

Cassazione Civile, Sez. I, sent. n. 23086, 30 ottobre 2014, Pres. Rordorf, Rel. Di Virgilio.

 

Coadiutore del curatore – Determinazione del compenso – Decreto del giudice delegato – Reclamo ex art. 26 l. fall.

 

Attività degli incaricati a favore del fallimento – Liquidazione dei compensi – Competenza esclusiva del giudice delegato – Disciplina endofallimentare – Reclamo ex art. 26 l. fall.

Data di riferimento: 
30/10/2014

Corte d'Appello di Venezia – Competenza per la dichiarazione di fallimento dell'imprenditore con più sedi o in caso di trasferimento di sede. Coordinamento tra contestuali procedure, fallimentare e concordataria.

 

Corte d'Appello di Venezia 27 ottobre 2014 – Pres. Rossi – Est. Di Francesco

 

Fallimento pronunciato da più tribunali – Prevalenza – Trasferimento di sede nell'anno anteriore all'istanza di fallimento – Irrilevanza.

 

Procedimento per la dichiarazione di fallimento e procedimento per l'ammissione al concordato preventivo -  Pendenza innanzi allo stesso giudice – Coordinamento – Trattazione simultanea –  Fase  preliminare all'ammissione - Possibilità del rigetto dell'istanza di fallimento.

 

Data di riferimento: 
27/10/2014

Corte di Cassazione – Trasferimento fittizio della sede in uno stato extracomunitario in data anteriore al deposito dell’istanza di fallimento e giurisdizione italiana.

 

Cassazione, Sez. UU. – sentenza 23 settembre 2014 n. 19978 – Presidente dott. Antonio Rovelli – rel. dott. Vittorio Ragonesi 

 

Cassazione – Trasferimento di sede all’estero – fallimento – giurisdizione del giudice italiano

Data di riferimento: 
23/09/2014

Pagine