Art. 85 - Presupposti per l'accesso alla procedura., Art. 45 - Comunicazione e pubblicazione del decreto di concessione dei termini.

Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili – Concordato preventivo senza transazione fiscale e falcidiabilita’ del credito IVA

Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili 27 dicembre 2016 n. 26988 – Presidente dott. Renato Rordorf, rel. dott. Aniello Nappi.

Concordato preventivo - Transazione fiscale - Assenza - Falcidiabilita' credito IVA - Ammissibilità.

La previsione dell’infalcidiabilita’ del credito IVA di cui all’articolo 182 ter legge fall. trova applicazione solo nell’ipotesi di proposta di concordato accompagnata da una transazione fiscale (Francesco Gabassi).

Provvedimento segnalato dall’avv. Massimiliano Ratti.

 

Data di riferimento: 
27/12/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Monza. Concordato preventivo con riserva: contenuto delle informazioni periodiche e parere del commissario giudiziale.

Tribunale di Monza,  provvedimento del 22 Dicembre 2016 , Pres. Gabriella Mariconda, giudice Caterina Giovanetti, Est. Alberto Crivelli.

Concordato preventivo con riserva - Oggetto del contenuto dell’informazione periodica mensile – Parere del commissario giudiziale.

Con il provvedimento che ha ammesso l’istante alla procedura prevista dall’art. 161 l.f. 6° comma, il Tribunale ha disposto:

Data di riferimento: 
22/12/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Milano – Concordato con cessione dei beni e profili di inammissibilità della proposta. Rispetto dell’ordine dei privilegi in sede di distribuzione del surplus concordatario.

Tribunale di Milano 15 dicembre 2016 – Pres. Amina Simonetti, Rel. Filippo D’Aquino.

Concordato preventivo – Ricorrente – Utilità assicurata ai creditori – Onere di precisazione -  Miglior soddisfacimento dei creditori rispetto alla sede fallimentare – Prospettazione generica – Indicazione insufficiente  - Inammissibilità della proposta.

Data di riferimento: 
15/12/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte d’Appello di Firenze – Concordato preventivo: inammissibilità per concreta non fattibilità del piano, legittimità dell’istanza di fallimento formulata dal P.M. e valutazione dei requisiti di fallimento in relazione alla società in liquidazione.

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I civile, 6 dicembre 2016 - Pres./ Rel. Riccucci.

Concordato preventivo - Piano - Inammissibilità - Domanda - Distinzione - Concreta fattibilità - Convenienza.

Concordato preventivo - Inammisibilità - Istanza di fallimento - P.M.  - Contestuale - Validità - Forma scritta - Contraddittorio - Motivazioni - Società in liquidazione.

Data di riferimento: 
06/12/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte d’Appello di Firenze – Inammissibilità della domanda di concordato preventivo presentata dopo la riserva al collegio per la decisione sul fallimento ed abuso di diritto.

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I civile, 30 novembre 2016 - Pres./ Rel. Riccucci.

Concordato preventivo – Inammissibilità – Domanda – Deposito successivo riserva collegio – Istruttoria prefallimentare – Mancata audizione debitore.

Concordato preventivo in bianco – Deposito successivo ad udienza prefallimentare – Abuso di diritto – Finalità meramente dilatoria.

Data di riferimento: 
30/11/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Milano – Concordato in continuità: necessità che l’indicazione dell’utilità che il proponente deve assicurare risulti vincolante. Momento cui deve farsi riferimento per valutare il rispetto dell’ordine delle prelazioni.

Tribunale di  Milano, Sez. Fallimentare, 08 novembre 2016 – Pres. Rel. Alida Paluchowski, Giudici Francesca Mammone e Federico Rolfi.

Concordato in continuità – Proponente – Indicazione dell’utilità assicurata ai creditori – Carattere vincolante – Professionista designato – Espressione di un giudizio attendibile – Flussi assicurati -  Disponibilità di dati certi - Presupposto necessario.

Data di riferimento: 
08/11/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Udine – Concordato preventivo: contenuto dell’attestazione, limiti del sindacato del tribunale. Concetto di continuità ai fini dell’applicazione dell’art. 160 u.c. l.f.

Tribunale di Udine, 17.10.2016 – Gianmarco Calienno giudice rel.

Concordato preventivo – Attestazione del professionista – Correttezza argomentazioni – Sindacato tribunale – Ammissibilità – Aspetto pratico – economico - Sindacato tribunale – Inammissibilità.

Concordato preventivo – Attestazione del professionista – Cespite immobiliare – Valutazione collocabilità sul mercato – Necessità.

Data di riferimento: 
17/10/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione – Assimilabilità della funzione del professionista attestatore a quella di ausiliario del giudice e valutazione di fattibilità giuridica.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 14 settembre 2016 n. 18091 – Pres. Nappi, Rel. Didone.

Concordato preventivo – professionista attestatore – ausiliario giudice – facoltà del giudice di discostarsi dal giudizio.

Concordato preventivo – fattibilità economica – giudizio convenienza – creditori – fattibilità giuridica– verifica – corretta informazione – dati – attestato – giudice.

Data di riferimento: 
14/09/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Treviso – Concordato liquidatorio: inammissibilità di una proposta che non contempli un effettivo impegno a soddisfare i chirografari almeno nella percentuale del 20% e che sia accompagnata da una relazione inadeguata.

 

Tribunale di Treviso 29 luglio 2016 - Pres. Fabbro, Rel. Passarelli.

 

Proposta di concordato liquidatorio - Creditori chirografari - Pagamento di almeno il venti per cento dei loro crediti – Assunzione di un impegno meramente ipotetico -  Mancanza di un vero impegno obbligatorio – Inammissibilità del piano.

 

Data di riferimento: 
29/07/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte d'Appello di Firenze –Prededucibilità dei crediti dei professionisti sorti in funzione della predisposizione del piano concordatario. Interpretazione dell’art. 23, comma 1, D. L. 27/06/2015 n. 83.

 

Corte d'Appello di Firenze 27 giugno 2016 - Pres. Orsucci, Est. Di Falco.

 

Concordato preventivo – Crediti sorti in occasione o in funzione della predisposizione della proposta - Prededucibilità dei crediti dei professionisti – Violazione dell’ordine delle cause legittime di prelazione – Esclusione.

 

Concordato preventivo – Prededuzione – Esecuzione individuale - Spese per atti conservativi – Assimilabilità – Utilità generalizzata per la massa.

 

Data di riferimento: 
27/06/2016
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine