curatore

Corte di Cassazione (26506/2021) – Laddove il curatore impugni un atto impositivo di crediti tributari sorti ante fallimento del contribuente, come notificatogli, il fallito non ha titolo a dolersi dell'omessa notifica nei suoi confronti.

Corte di Cassazione, Sez. Trib., 30 settembre 2021, n. 26506 – Pres. Angelina-Maria Perrino, Rel. Salvo Leuzzi.

Fallimento di società di capitali - Atto impositivo inerente a crediti tributari – Presupposti verificatisi ante fallimento – Avviso di accertamento  -Notifica al curatore - Impugnazione da parte dello stesso - Interesse del fallito alla contestazione – Doverosa notifica anche nei suoi confronti – Esclusione - Fondamento

Data di riferimento: 
30/09/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (21127/2021) – Fallimento : la morte del curatore nel corso di un giudizio di cassazione non comporta l'interruzione del processo, né incide sul mandato dallo stesso conferito al difensore.

Corte di Cassazione, Sez. V civ., tributaria, 22 luglio 2021, n. 21127 – Pres. Enrico Manzon, Rel. Salvo Leuzzi.

Fallimento – Giudizio di cassazione pendente – Morte del curatore che ha proposto il ricorso – Effetti – Interruzione del processo – Incidenza sul mandato conferito al difensore – Esclusione – Sostituzione del deceduto ad opera della procedura.

Data di riferimento: 
22/07/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (18245/2021) – Fallimento di società di persone e avviso di rettifica delle dichiarazione dei redditi: la notifica deve, a garanzia dell'integrità del contraddittorio, essere eseguita nei confronti della sola curatela.

Corte di Cassazione, Sez. V civ., tributaria, 24 giugno 2021, n. 18245 – Pres. Ettore Cirillo, Rel. Lucio Napolitano.

Fallimento di società di persone - Accertamento  delle dichiarazioni dei redditi  - Avviso di rettifica - Notifica alla sola curatela – Garanzia dell'integrità del contraddittorio – Fondamento.

Data di riferimento: 
24/06/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Terni – Fallimento: modalità e finalità dell'impugnazione del rendiconto per atti di mala gestio posti in essere dal curatore. La derelictio di beni, attuata ex art. 104 ter L.F. libera il curatore dal dovere di occuparsi della manutenzione.

Tribunale di Terni, Ufficio Fallimentare, 07 giugno 2021 (data della pronuncia) – Pres. Alberto Caprioli, Rel. Alessandro Nastri, Giud. Luciana. 

Fallimento – Rendiconto del curatore – Contestazioni – Atti di mala gestio – G.D.  - Rimessione al collegio – Udienza di discussione – Concretezza e specificità delle accuse – Presupposto necessario.

Data di riferimento: 
07/06/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (15167/2021) – Inammissibilità del ricorso in cassazione ex art. 111, settimo comma, Cost. avverso il decreto emesso dal tribunale in sede di reclamo ex art. 36, secondo comma, L.F.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 31 maggio 2021, n. 15167 – Pres. Magda Cristiano, Rel. Loredana Nazzicone.

Art. 111, settimo comma, Cost. - Ricorso straordinario per Cassazione  Esperibilità avverso sentenze, decreti e ordinanze – Provvedimenti connotati dai requisiti della decisorietà e definitività – Presupposti richiesti.

Data di riferimento: 
31/05/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Commissione tributaria regionale di Bologna – L'ex rappresentante della società fallita può agire in giudizio nell'interesse della stessa ma solo in caso di inerzia del curatore, non nel caso in cui questi abbia giudicato tale iniziativa non conveniente.

Commissione tributaria regionale dei Bologna, 21 aprile 2021 – Pres. Nicola Sinisi, Est. Gianluigi Morlini.

Crediti fiscali – Accertamento  – Conferma da parte della Commissione tributaria provinciale – Fallimento della società contribuente  - Omessa impugnazione da parte del curatore – Motivo di tale scelta - Mancanza di utilità per la massa dei creditori - Appello proposto dall'ex rappresentante legale della fallita -  Legittimazione ad agire – Esclusione – Iniziativa consentita solo in caso di inerzia da parte del curatore.

Data di riferimento: 
21/04/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (5623/2021) – Fallimento: ricade sul curatore il dovere di presentare le dichiarazioni IVA e delle Imposte dirette ove la sentenza dichiarativa sia intervenuta prima della scadenza del termine previsto per tali adempimenti.

Corte di Cassazione, Sez. V, tributaria, 02 marzo 2021, n. 5623 – Pres. Federico Sorrentino, Rel. Marcello Maria Frazancani.

Sentenza di fallimento – Dichiarazione dei redditi IVA e imposte dirette – Presentazione – Termine che scade dopo la pronuncia – Obbligo che ricade in capo al curatore.

Data di riferimento: 
02/03/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Verona – Fallimento: compenso spettante al curatore in caso di mancato svolgimento di un'attività di liquidazione e di ripartizione delle somme ricavate.

Tribunale di Verona, 22 febbraio 2021 – Pres. Rel. Monica Attanasio, Giudici Silvia Rizzuto e Pier Paolo Lanni.

Fallimento – Curatore – Attività di liquidazione e di ripartizione del ricavato – Mancato svolgimento – Compenso spettante – Riconoscimento in misura pari ai minimi previsti dal D.M. 30/2012.

Data di riferimento: 
22/02/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Consiglio di Stato (Ad. Plen. 3/2021) – Fallimento e rifiuti: il curatore è tenuto alla bonifica degli immobili di cui acquisisce la detenzione e i costi a tal fine necessari gravano sulla massa.

Consiglio di Stato, Adunanza plenaria, 26 gennaio 2021, n. 3 – Pres. Filippo Patroni Griffi, Est. Paolo Giovanni Nicolò Lotti.

Fallimento – Inventario dei beni – Gestione ad opera del curatore - Bonifica dei terreni inquinati – Onere che ricade sul curatore – Costi che gravano sulla massa – Ipotesi particolari che non escludono tali principio.

Data di riferimento: 
26/01/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (29313/2020) – Fallimento e liti attive e passive: inammissibilità dell'assunzione del ruolo di difensore o di mero assistente da parte del curatore.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 22 dicembre 2020, n. 29313 – Pres.Francesco Antonio Genovese, Rel. Luca Solaini.

Fallimento – Liti attive e  passive  - Curatore – Difesa tecnica del fallimento – Possibile assunzione di un tale ruolo – Esclusione.

Data di riferimento: 
22/12/2020
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine