Tribunale di Udine – Banca Popolare di Vicenza in l.c.a. e Intesa Sanpaolo s.p.a.: legittimazione passiva di Intesa anche nei contenziosi civili pendenti relativi a rapporti estinti.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
18/04/2018

Tribunale di Udine, 18 aprile 2018 – Dott. Andrea Zuliani

Banca Popolare di Vicenza in l.c.a. – Intesa Sanpaolo s.p.a. – Cessione – Contenziosi civili – Rapporti estinti.

Devono ritenersi compresi nel contratto di cessione tra Banca Popolare di Vicenza in l.c.a e Intesa Sanpaolo s.p.a. i contenziosi civili relativi a giudizi già pendenti alla data di esecuzione anche se aventi ad oggetto rapporti contrattuali già cessati. [Ne discende la legittimazione passiva di Intesa Sanpaolo nella vertenza riassunta nei suoi confronti. Il Tribunale rileva come la diversa tesi sostenuta da Intesa Sanpaolo s.p.a. – secondo la quale l’art. 3.1.2. lett. B), VII) del contratto di cessione, il quale include espressamente nell’ambito della cessione i contenziosi civili relativi a giudizi già pendenti, si riferirebbe solo a giudizi relativi a rapporti contrattuali ancora pendenti –  non è coerente con la disposizione dell’art. 3, co. 1, lett. C) del contratto di cessione, che esclude solo le controversie relative “ad atti o fatti occorsi prima della cessione” e le relative passività solo se sorte successivamente ad essa e, comunque, priverebbe di significato il predetto art. 3.1.2. lett. B), VII) poiché, se questo si riferisse solo ai rapporti pendenti, la sua previsione sarebbe inutile, subentrando il cessionario nei contratti pendenti come effetto naturale del contratto ai sensi dell’art. 2558 c.c.]   (Giulia Gabassi – Riproduzione riservata)

Uffici Giudiziari: 
AllegatoDimensione
PDF icon Tribunale di Udine 18 aprile 2018.pdf1.52 MB