prededuzione

Tribunale di Pavia – Liquidazione controllata: considerazioni in tema di rapporto con la procedura di liquidazione dei beni, comportamento del liquidatore in pendenza di una procedura esecutiva e compenso spettante al legale del debitore.

Tribunale di Pavia, Sez. I civ.- Ufficio Concorsuale, 09 settembre 2022 – Pres. Erminio Rizzi, Rel. Francesco Rocca, Giud. Francesca Claris Appiani.

Sovraindebitamento – Codice della Crisi d'Impresa e dell'Insolvenza - Entrata in vigore - Liquidazione controllata – Continuità con la precedente procedura di liquidazione dei beni ex L. 3/2012 – Mera semplificazione di quella disciplina - Fondamento.

Data di riferimento: 
09/09/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (23447/2022) – Il pagamento diretto del subappaltatore da parte della stazione appaltante, ex art. 118, comma 3, D.Lgs. n. 163/2006, non può aver luogo in caso di fallimento dell’appaltatore.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 27 luglio 2022, n. 23477 – Pres. Andrea Scaldaferri, Rel. Paola Vella.

Contratto di appalto di opera pubblica – Fallimento dell'appaltatore – Compenso del subappaltatore – Pagamento diretto da parte della stazione appaltanteex art. 118, comma 3, D.Lgs. n. 163/2006 – Inammissibilità anche laddove previsto in sede di pattuizione - Ragione sottostante.

Data di riferimento: 
27/07/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Lecco – In sede di riparto non possono essere poste proporzionalmente a carico del creditore ipotecario, quali spese generali, anche le spese volte ad avvantaggiare solo i creditori chirografari e quelli assistiti da privilegio generale.

Tribunale di Lecco, 09 luglio 2022 (data della pronuncia) – Giudice delegato Edmondo Tota.

Fallimento – Ripartizione finale dell’attivo – Ricavato della liquidazione dei beni oggetto di ipoteca – Spese prededucibili di carattere generaleda non porsi a carico del creditore ipotecario - Ragione.

Data di riferimento: 
09/07/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Treviso – Composizione negoziata e accoglimento della richiesta della società interessata al risanamento a contrarre un finanziamento prededucibile: presupposti perché possa fare ricorso ad un nuovo prestito ponte.

Tribunale di Treviso, Sez. II civ., 08 luglio 2022 (data della pronuncia) – Giudice designato Bruno Casciarri.

Composizione negoziata – Società debitrice – Istanza di ricorso a finanziamento ponte prededucibile – Autorizzazione del giudice – Successiva richiesta volta a contrarre un nuovo finanziamento – Proponibilità - Presupposti perché possa trovare accoglimento.

Data di riferimento: 
08/07/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Bergamo – Composizione negoziata della crisi: verifiche da eseguirsi da parte del tribunale al fine dell'accoglimento dell'istanza dell'imprenditore di autorizzazione a contrarre finanziamenti prededucibili.

Tribunale Ordinario di Bergamo, Sez. II civ. - Proc. concors. e dell'esecuz. forzata, 05 luglio 2022 (data della pronuncia) – Giud. Angela Randazzo.

Composizione negoziata – Finanziamenti prededucibili ex art. 10 D.L. n. 118/2021 – Autorizzazione del tribunale a contrarli – Imprenditore – Istanza formulata per rendere possibile la continuità aziendale- Tribunale – Verifiche da eseguirsi al fine dell'accoglimento di tale richiesta.

Data di riferimento: 
05/07/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (21151/2022) –Amministrazione straordinaria dell'ILVA: il credito delle imprese di autotrasporto è prededucibile ex art. 8 D.L. 91/2017 anche laddove la prestazione effettuata sia idonea a garantire la funzionalità degli impianti.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 04 luglio 2022, n. 21151 – Pres. Magda Cristiano, Rel. Francesco Terrusi.

Amministrazione straordinaria dell'ILVA – Crediti anteriori di impresa  di autotraporto – Insinuazione al passivo – Prededuzione ex art. 3, comma 1 ter, del D.L. n. 347/2003 – Riconoscibilità - Fondamento.

Data di riferimento: 
04/07/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Treviso – Composizione negoziata della crisi: predisposizione da parte del debitore di un business plain aggiornato e formulazione da parte dello stesso di una richiesta di autorizzazione a contrarre un nuovo finanziamento.

Tribunale di Treviso, Sez. II civ., 20 giugno 2022 (data della pronuncia) – Giudice designato Bruno Casciarri.

Composizione negoziata della crisi – Debitore – Predisposizione di un business plan aggiornato – Autorizzazione a contrarre un nuovo finanziamento – Istanza formulata in relazione a quello – Giudice – Richiesta all'esperto di un parere e conferma della nomina dell'ausiliario – Iniziative necessarie – Finalità.

Data di riferimento: 
20/06/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (19146/2022) – Amministrazione straordinaria: sono prededucibili i crediti per le prestazioni svolte nel periodo intercorrente tra l'apertura della procedura e la decisione di scioglimento dal contratto da parte del commissario.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 14 giugno 2022, n. 19146 – Pres. Francesco A. Genovese, Rel. Cosmo Crolla.

Amministrazione straordinaria – Contratti pendenti - Continuità di esecuzione - Prestazioni eseguite nel periodo tra apertura della procedura e decisione di scioglimento dal contratto – Crediti da riconoscersi in prededuzione – Pagamento da effettuare come tale anche nel successivo fallimento.

Data di riferimento: 
14/06/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (18882/2022) – Fallimento: liquidazione di un immobile ipotecato e criterio di graduazione dei crediti in sede di riparto. Proponibilità del ricorso straordinario in cassazione avverso il decreto del tribunale che decida il reclamo.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 10 giugno 2022, n. 18882 – Pres. Magda Cristiano, Rel. Paola Vella.

Fallimento - Liquidazione dell'attivo - Progetto di riparto – Giudice delegato – Dichiarazione di esecutività – Reclamo avverso tale pronuncia – Decreto del tribunale – Ricorribilità in cassazione ex art. 111, comma 7, Cost.

Ricavato dalla liquidazione di immobile ipotecato – Credito erariale per IMU – Maturazione successiva alla dichiarazione di fallimento – Prededucibilità – Fondamento.

Data di riferimento: 
10/06/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (18882/2022) – Fallimento: liquidazione di un immobile ipotecato e criterio di graduazione dei crediti in sede di riparto. Proponibilità del ricorso straordinario in cassazione avverso il decreto del tribunale che decida il reclamo.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 10 giugno 2022, n. 18882 – Pres. Magda Cristiano, Rel. Paola Vella.

Fallimento - Liquidazione dell'attivo - Progetto di riparto – Giudice delegato – Dichiarazione di esecutività – Reclamo avverso tale pronuncia – Decreto del tribunale – Ricorribilità in cassazione ex art. 111, comma 7, Cost.

Ricavato dalla liquidazione di immobile ipotecato – Credito erariale per IMU – Maturazione successiva alla dichiarazione di fallimento – Prededucibilità – Fondamento.

Data di riferimento: 
10/06/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine