Art. 43. - Rapporti processuali.

Tribunale di Mantova – Fallimento ed interruzione dei processi in corso: decorrenza del termine entro il quale il fallito può procedere alla riassunzione.

Tribunale di  Mantova,  Sez. II civ., 03 settembre 2018 -  Giud. Laura De Simone.

Fallimento ed interruzione dei processi in corso - Decorrenza del termine per la riassunzione.

Data di riferimento: 
03/09/2018

Corte di Cassazione (15793/2018) - Cessione delle azioni revocatorie subordinata all’esecuzione del concordato fallimentare con assunzione e momento della perdita della legittimazione processuale del curatore.

Cassazione civile, sez. I, 15 Giugno 2018, n. 15793. Est. Campese.

Concordato fallimentare con assuntore - Cessione delle azioni revocatorie - - Perdita della legittimazione processuale del curatore – Momento – Interruzione del processo – Termine.

Data di riferimento: 
15/06/2018

Corte di Cassazione (15788/2018) - Fallimento: ipotesi di illecito amministrativo da reato contestato alla società fallita e legittimazione processuale del curatore.

Corte di Cassazione, Sez. III pen., 09 aprile 2018 n. 15788 – Pres. Aldo Cavallo, Rel. Carlo Renoldi.

Fallimento – Illecito amministrativo da reato – Contestazione - Società fallita – Legittimazione passiva – Assoggettabilità a sanzione pecuniaria.

Fallimento – Illecito amministrativo da reato – Contestazione nei confronti della società – Curatore – Legittimazione processuale – Sanzione -  Credito privilegiato dell'Erario – Possibile insinuazione al passivo.

Data di riferimento: 
09/04/2018

Corte di Cassazione (8132/2018) - Crediti fiscali accertati anteriormente al fallimento del contribuente: necessaria notifica anche nei suoi confronti per garantirgli la possibilita di difendersi in caso di inerzia del curatore.

Corte di Cassazione, Sez. VI civ.,  Sottosez. T, 03 aprile 2018 n. 8132 – Pres. Ettore Cirillo, Rel. Enrico Manzon.

Fallimento – Crediti fiscali -  Anteriore accertamento – Notifica oltre che al curatore anche al fallito –  Necessità - Presupposto di definitività dell'atto impositivo – Inerzia del curatore – Possibilità di ricorrere – Opportunità da  riconoscersi in tal caso al fallito.

Data di riferimento: 
03/04/2018

Corte di Cassazione (7547/2018) - Accertamento del passivo fallimentare: inammissibilità della sospensione per pregiudizialità ex art. 295 c.p.c. Interruzione automatica delle controversie relative a rapporti patrimoniali del fallito.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 27 marzo 2018 n. 7547 – Pres.  Antonio Didone, Rel.  Aldo Angelo Dolmetta.

Fallimento – Stato passivo – Creditore - Insinuazione ex art. 93 L.F. - Pretese avanzate  –  Fondatezza - Controversia in corso avanti a giudice extrafallimentare – Necessario pregiudiziale accertamento  - Creditore -  Istanza di sospensione della procedura di verifica fallimentare – Inammissibilità – Giudice fallimentare - Credito da considerarsi condizionale –   Possibile ammissione con riserva.

Data di riferimento: 
27/03/2018

Corte di Cassazione (5824/2018) - Curatela ammessa in giudizio al gratuito patrocinio e condanna della controparte soccombente al pagamento, a favore dello Stato, delle spese processuali.

Corte di Cassazione, Sez. VI civ – 1, 09 marzo 2018 n. 5824 - Pres. Andrea Scaldaferri, Rel. Francesco Terrusi.

Fallimento - Giudizio in Cassazione – Curatela ammessa al gratuito patrocinio – Sentenza – Spese processuali – Condanna del soccombente – Pagamento a favore dello Stato - Mancata indicazione – Mero errore materiale – Possibile correzione.

Data di riferimento: 
09/03/2018

Tribunale di Monza – Fallimento: legittimazione del solo curatore a proporre opposizione all'esecuzione che sia proseguita dal creditore fondiario nei confronti del debitore fallito.

Tribunale di Monza, Sez. III civ., 01 marzo 2018 – Giudice dell'Esecuzione Alberto Crivelli.

Fallimento – Creditore fondiario – Azione esecutiva – Proposizione dell'opposizione – Legittimazione del curatore – Presupposto – Trascrizione della sentenza -  Bene acquisito alla massa fallimentare.

Data di riferimento: 
01/03/2018

Corte di Cassazione (3957/2018) Improcedibilità del giudizio di opposizione allo stato passivo in ipotesi di revoca della dichiarazione di fallimento.

Cassazione civile, sez. I, 19 Febbraio 2018, n. 3957. Pres. Annamaria Ambrosio, rel. Rosa Maria Di Virgilio.

Revoca del fallimento - Giudizio di opposizione allo stato passivo - Improcedibilità.

La sopravvenuta revoca della dichiarazione di fallimento, passata in giudicato, rende improcedibile il giudizio di opposizione allo stato passivo, attesa la natura endofallimentare di detto giudizio, inteso all'accertamento del credito con effetti limitati al concorso allo stato passivo". (Principio di diritto)

Data di riferimento: 
19/02/2018

Corte d'Appello di Napoli – Possibilità per il curatore del legittimario fallito di impugnare direttamente ex art. 524 c.c. la rinuncia da parte dello stesso all'esercizio dell'azione di riduzione delle disposizioni lesive.

Corte d'Appello di Napoli, Sez. I bis civ., 12 gennaio 2018 – Pres. Rel. Paolo Celentano, Consiglieri Fulvio Dacomo e Michelangelo Maria Petruzziello.

Legittimario pretermesso – Azione di riduzione  – Rinuncia espressa  – Successivo fallimento  - Curatore – Esperimento dell'azione ex art. 524 c.c. - Contestuale impugnazione ex art. 66 L.F. della rinuncia – Ammissibilità.

Data di riferimento: 
12/01/2018

Pagine