Cerca facile per: Diritto Fallimentare

Tribunale di Busto Arsizio – In pendenza di un procedimento di liquidazione giudiziale da chiunque avviato risulta inammissibile l'apertura della composizione negoziata della crisi.

Tribunale Civile di Busto Arsizio, Sez. II civ., 16 agosto 2023 (data della pronuncia) – Pres. Elisa Tosi, Rel. Maria Elena Ballarini, Giud. Milton D'Ambra.

Accesso alla composizione negoziata – Inammissibilità in pendenza di un procedimento di liquidazione giudiziale – Irrilevanza del soggetto che l'abbia avviato - Applicabilità  dell'art. 25 quinques C.C.I. - Tenore letterale chiaro di quella disposizione – Inammissibilità di una diversa interpretazione - Fondamento.

Data di riferimento: 
16/08/2023
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Corte di Cassazione (4593/2024) – Non è possibile considerare condizionato, al fine dell’ammissione al passivo ex art. 96 n. 3 L. fall., il credito fondato su ordinanza ex art. 186 ter c.p.c. successivamente revocata.

Cass., Sez. 1, 21 febbraio 2024, n. 4593, Pres. Terrusi, Est. Amatore

ACCERTAMENTO DEL PASSIVO - Credito fondato su ordinanza ex art. 186 ter c.p.c. - Successiva revoca - Ammissione del credito con riserva quale credito condizionato - Esclusione.

Data di riferimento: 
21/02/2024
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Urbino – Domanda di esdebitazione proposta dopo il 15 luglio 2022 con riferimento ad una procedura fallimentare chiusa anteriormente: disciplina applicabile.

Tribunale Ordinario di Urbino, 14 marzo 2024 (data della pronuncia) – Pres. Massimo Di Patria, Rel. Francesco Paolo Grippa, Rel. Egidio De Leone.

Esdebitazione - Domanda proposta dopo il 15 luglio 2022 – Istanza collegata a fallimento chiuso antecedentemente - Disciplina in vigore al momento della pronuncia - Nuovo codice della crisi e dell'insolvenza - Applicabilità – Ragioni sottostanti.

Data di riferimento: 
14/03/2024
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Bari – Ristrutturazione dei debiti del consumatore: applicabilità della regola della priorità assoluta.

Tribunale di Bari, 20 febbraio 2024 – G.D. dott. Michele De Palma

Ristrutturazione dei debiti del consumatore – regola distributiva – priorità assoluta.

Data di riferimento: 
20/02/2024
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Corte di Cassazione (204/2024) - La ricorrenza di una supersocietà di fatto non è esclusa dal fatto che uno dei partecipanti, che era in condizione di farlo, ne abbia abusato a fronte di un atteggiamento inerte da parte degli altri.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 04 gennaio 2024, n.204 – Pres. Massimo Ferro, Rel. Giuseppe Dongiacomo.

Fallimento di società di capitali – Estensione ad una supersocietà di fatto – Abuso di tale rapporto da parte di chi ne ha il controllo - Gestione di un interesse proprio – Inerzia da parte degli altri partecipanti - Fatto che non esclude l'esistenza di una tale società.

Data di riferimento: 
04/01/2024
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Bologna - Liquidazione controllata: è inopponibile alla massa il decreto ingiuntivo non munito di esecutorietà ex art. 647 c.p.c., e, di conseguenza, anche l'ipoteca giudiziale iscritta sulla scorta di tale titolo.

Tribunale di Bologna, Sez. IV civ. e Procedure concorsuali, 27 marzo 2024 (data della pronuncia) – Giudice Delegato Maurizio Atzori.

Liquidazione Controllata – Accertamento del passivo – Decreto ingiuntivo privo di esecutorietà ex art. 647 c.p.c. – Inopponibilità alla massa – Ipoteca giudiziale iscritta in base a tale titolo – Stessa sorte.

Data di riferimento: 
27/03/2024
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Trib. Udine – Inammissibile l'accesso alla composizione negoziata se è pendente istanza di apertura della liquidazione giudiziale.

Tribunale di Udine, 22 febbraio 2024 – Pres. dott. Venier, rel. dott. Calienno

Composizione negoziata – Liquidazione giudiziale – Accesso – Preclusione.

Composizione negoziata – Liquidazione giudiziale – Apertura.

Composizione negoziata – Accesso – Insolvenza.

Data di riferimento: 
22/02/2024
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Corte di Cassazione (4403/2024) – Rivalutazione monetaria ed interessi legali dovuti sui crediti di lavoro dopo la dichiarazione di fallimento.

Cass., Sez. 1, 19 febbraio 2024, n. 4403, Pres. Ferro, Est. Fidanzia

FALLIMENTO - Effetti - Per i creditori - Crediti di lavoro - Rivalutazione sui crediti di lavoro dopo la dichiarazione di fallimento - Limite - Definitività dello stato passivo - Interessi sui crediti di lavoro - Limite - Configurabilità - Esclusione. 

Data di riferimento: 
19/02/2024
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Cassazione (9461/2024) - Il curatore fall.re dell'area ove i rifiuti si trovano deve ottemperare all'ordinanza sindacale di rimozione emessa ai sensi dell'art. 192, comma 3, D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 per non incorrere nel reato previsto dall'art. 255.

Cass., Sez. 3 Pen., 19 gennaio 2024, n. 9461, Pres. Aceto, Est. Corbo

CURATORE FALLIMENTARE - Rifiuti - Inottemperanza all'ordinanza sindacale di rimozione - Reato previsto dall'art. 255, comma 3, D.Lgs. n. 152 /2006 - Disponibilità dell'area in capo al curatore del fallimento - Inesigibilità della condotta - Esclusione - Ragioni.

Data di riferimento: 
19/01/2024
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (3459/2024) – Mancata ammissione al passivo del credito da compenso del sindaco di società fallita per inadempimento totale o parziale agli obblighi contrattuali sullo stesso gravanti.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 07 febbraio 2024, n. 3459 – Pres. Massimo Ferro, Rel. Giuseppe Dongiacomo.

Sindaco di una società fallita – Insinuazione al passivo del suo credito da compenso – Mancata ammissione in ragione dell'inadempimento agli obblighi contrattuali sullo stesso gravanti – Opposizione – Mero onere da parte del curatore di allegare, in relazione ai fatti verificatisi, tale circostanza – Obbligo, viceversa, per l'opponente di provare l'avvenuto corretto adempimento.

Data di riferimento: 
07/02/2024
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine