Cerca facile per: Diritto Fallimentare

Corte d’Appello di Salerno – Competenza territoriale alla pronuncia della sentenza di fallimento e criteri di verifica del superamento delle soglie di fallibilità di cui agli artt. 1 e 15 L.F. Tempestività del reclamo.

Corte d’Appello di Salerno, 04 agosto 2017 – Pres. Ornella Crespi, Cons. Rel. Rosa D’Apice, Cons. Licia Tomay.

Dichiarazione di fallimento - Mancata notifica della decisione – Termine per la proposizione del reclamo.

Istanza di fallimento – Tribunale – Competenza territoriale – Trasferimento dell’impresa fallenda – Incidenza -  Superamento del termine annuale – Decorrenza - Deposito del ricorso – Momento decisivo - Data di comparizione delle parti – Irrilevanza.

Data di riferimento: 
04/08/2017

Tribunale di Bari – Azioni esecutive promosse per il recupero di crediti sorti dopo l’omologazione del concordato preventivo: ammissibilità.

Tribunale di Bari, Sezione feriale, 23 agosto 2017 – Pres. Saverio de Simone, Rel. Sergio Cassano, Giud. O. Putignano.

 

Concordato preventivo – Creditori - Divieto di avviare o proseguire azioni esecutive – Estensione  - Riferimento ai soli creditori anteconcordatari – Crediti sorti dopo l’omologazione – Proposizione consentita.

Data di riferimento: 
23/08/2017

Tribunale di Bologna – Abusivo ricorso al credito e legittimazione del curatore ad agire o meno nei confronti della banca.

Tribunale di Bologna, IV Sez. civ., 13 luglio 2017 – Pres. Fabio Florini, Rel. Giovanni Salina, Giud. Daria Sbariscia.

Fallimento – Mala gestio degli amministratori – Eventuale concorso di terzi - Azione di responsabilità – Finalizzazione – Ricostruzione del patrimonio – Beneficio per la massa dei creditori – Legittimazione ad agire del curatore – Azioni di diverso profilo nei confronti di terzi - Beneficio  del singolo creditore -  Esclusione della legittimazione.

Data di riferimento: 
13/10/2017

Tribunale di Verona – Natura irregolare o regolare del pegno di titoli e conseguenze in tema di onere di insinuazione al passivo.

Tribunale di Verona, 16 Marzo 2017. Est. D'Amore.

Pegno regolare ed irregolare – Elementi distintivi – Onere del creditore di insinuazione al passivo – Ipotesi.

Data di riferimento: 
16/03/2017

Corte d’Appello di Venezia – Risoluzione del concordato con cessione dei beni per inadempimento di non scarsa importanza: valutazione da parte del tribunale dell’incidenza dello scostamento del piano nel suo complesso.

Corte d’Appello di Venezia, Sez. I civ., 24 maggio 2017 – Pres. Daniela Bruni, Cons. Rel. Rita Rigoni, Cons. Paola Di Francesco.

Concordato preventivo con cessione dei beni – Creditore - Richiesta di risoluzione – Inadempimento di non scarsa importanza – Valutazione basata sulla giurisprudenza in materia contrattuale – Scadenza del termine per l’adempimento del piano - Incidenza oggettiva dello scostamento  complessivo – Previsione di non migliori aspettative nel prosieguo - Presupposti necessari.

Data di riferimento: 
24/05/2017

Corte di Cassazione (20398/2017) – Ammissione al passivo del committente a seguito dello scioglimento del contratto d’appalto.

Cassazione civile, sez. I, 25 Agosto 2017, n. 20398. Pres., rel. Aniello Nappi.

Contratto di appalto - Fallimento dell'appaltatore – Credito del committente per il corrispettivo già pagato all'appaltatore per opere non eseguite o mal eseguite – Ammissibilità al passivo – Determinazione dell’importo – Regime probatorio.

Data di riferimento: 
25/08/2017

T.A.R. Campania - Napoli – Ordinanze sindacali dirette alla tutela dell’ambiente e responsabilità del curatore fallimentare.

T.A.R. Campania - Napoli, 20 Giugno 2017. Est. Marotta.

Amministratore società fallita – Comportamento omissivo o commissivo in materia di tutela ambientale – Responsabilità di posizione del curatore fallimentare – Insussistenza.

Annullamento ordinanza sindacale ripristino luoghi e bonifica con smaltimento rifiuti tossici – D. Lgs. n. 152/06 ss.mm.ii. – art. 192 – Legittimazione passiva Curatela fallimentare – Insussistenza

Data di riferimento: 
20/06/2017

Corte di Cassazione (5374/2016) – Comunicazione via PEC da parte della cancelleria della sentenza di rigetto del reclamo ex art. 18 L.F.: inidoneità a far decorrere il termine per il ricorso in cassazione.

Corte di Cassazione, Sez. VI civ. -1, 18 marzo 2016 n. 7374 – Pres. Massimo Dogliotti, Rel. Andrea Scaldaferri.

Dichiarazione di fallimento – Reclamo ex art. 18 – Rigetto – Cancelleria – Comunicazione integrale della decisione – Termine per il ricorso in Cassazione – Decorrenza -  Inidoneità.

Data di riferimento: 
18/03/2016

Corte di Cassazione (10525/2016) – Rigetto del reclamo avverso la sentenza dichiarativa di fallimento: decorrenza del termine breve per la proposizione del ricorso in cassazione.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 20 maggio 2016 n. 10525 – Pres. Aniello Nappi, Rel. Rosa Maria Di Virgilio.

Dichiarazione di fallimento – Reclamo alla corte d’appello – Sentenza di rigetto –  Cancelleria – Notificazione del testo integrale via PEC – Ricorso in cassazione –  Termine per l’impugnazione - Decorrenza dalla notifica - Ostacolo rappresentato dall’art. 133 c.p.c. – Esclusione.

Data di riferimento: 
20/05/2016

Corte di Cassazione (4410/2016) – Diritto dell’agente di una impresa assicuratrice in l.c.a. di insinuarsi al passivo solo per l’indennità di fine rapporto e non anche per quella aggiuntiva e di preavviso.

Corte di Cassazione, Sez. VI civ -1, 07 marzo 2016 n. 4410 – Pres. Vittorio Ragonesi, Rel. Carlo De Chiara.

Impresa assicuratrice - Liquidazione coatta amministrativa - Rapporto di agenzia – Risoluzione di diritto – Agente – Insinuazione al passivo – Indennità di fine rapporto – Liquidazione – Indennità aggiuntiva e di preavviso – Diritto -  Esclusione.

Data di riferimento: 
07/03/2016

Pagine