Corte di Cassazione (9565/2018) – Onere della prova a carico della curatela in sede di azione revocatoria ordinaria dell’insufficienza del patrimonio del fallito a soddisfare le ragioni dei creditori.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
18/04/2018

Cassazione civile, sez. I, 18 Aprile 2018, n. 9565. Pres. magda Cristiano, rel. Massimo Falabella.

Azione revocatoria ordinaria in sede fallimentare – Insufficienza del patrimonio del fallito a soddisfare le ragioni dei creditori - Onere della prova a carico del fallimento.

In tema di revocatoria ordinaria esercitata dal fallimento, non può trovare applicazione la regola secondo cui, a fronte dell'allegazione, da parte del creditore, delle circostanze che integrano l'"eventus damni", incombe sul debitore l'onere di provare che il patrimonio residuo è sufficiente a soddisfare le ragioni della controparte, in quanto, da un lato, il curatore rappresenta contemporaneamente sia la massa dei creditori sia il debitore fallito e, dall'altro, in ossequio al principio della vicinanza della prova, tale onere non può essere posto a carico del convenuto, beneficiario dell'atto impugnato, che non è tenuto a conoscere l'effettiva situazione patrimoniale del suo dante causa. Ne consegue che in tale evenienza il fallimento è onerato di fornire la prova che il patrimonio residuo del debitore fallito era di dimensioni tali, in rapporto all'entità della propria complessiva esposizione debitoria, da esporre a rischio il soddisfacimento dei creditori. (massima ufficiale)

http://mobile.ilcaso.it/sentenze/ultime/19989

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: