Tribunale di Prato – Composizione negoziata e natura e limite del vaglio che il Giudice è chiamato a compiere in sede di decisione del ricorso proposto al fine della conferma delle misure protettive.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
22/04/2022

Tribunale di Prato, Sez. civ. - Fallimenti e proc. concorsuali, 22 aprile 2022 (data della pronuncia) – Giudice Enrico Capanna.

Composizione negoziata della crisi – Ricorso per la conferma delle misure protettive – Giudice – Vaglio che deve svolgere in quella sede – Contenuto e limite – Fondamento.

In sede di composizione negoziata della crisi e di conferma ex art. 7 del D.L. n. 118/2021 delle misure protettive e cautelari richieste ex art. 6, il vaglio che il Giudice deve svolgere è volto solo a verificare la sussistenza della disponibilità dei soggetti interessati a intraprendere una trattativa, mentre non si estende ad accertare l'effettiva probabilità che un accordo sia raggiungibile, atteso che quelle misure sono in ogni tempo revocabili o modificabili laddove si manifestassero sproporzionate o non utili. (Pierluigi Ferrini – Riproduzione riservata)

https://www.dirittodellacrisi.it/articolo/trib-prato-22-aprile-2022-est-capanna

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/27262.pdf

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: 
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]