Tribunale di Roma – Controcredito della procedura fallimentare nei confronti di un creditore ammesso al passivo e compensabilità civilistica in sede di riparto.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
17/05/2018

Tribunale Roma, 17 Maggio 2018. Pres. Antonino La Malfa, giudice Lucia Odello, rel. Guglielmo Garri.

Credito della procedura fallimentare per indennità di occupazione e spese legali – Compensazione giudiziale con il credito del creditore concorrente in sede di riparto – Ammissibilità – Applicabilità art. 56 l.f. – Esclusione.

Nell’ipotesi in cui la procedura fallimentare vanti nei confronti di un creditore ammesso al passivo un credito liquido e di pronta soluzione derivante dall’occupazione abusiva dell’azienda fallita, compreso il rimborso delle spese legali sostenute per il rilascio dell’azienda stessa, può operare in sede di riparto la compensazione fra le due posizioni di credito reciproco senza che rilevi in alcun modo la disciplina di cui all’art. 56 l. fall. ma le sole norme civilistiche in materia di compensazione (Francesco Gabassi - riproduzione riservata).

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/19833.pdf

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: