stato passivo e opposizioni

Corte di Cassazione (23856/2021) – Fallimento e insinuazione al passivo: la banca che intenda far valere un credito da rapporto di conto corrente deve provare l'andamento dello stesso dall'inizio del rapporto e senza interruzioni.

Corte di Cassazione, Sez. VI civ. - Sottosez. 1, 03 settembre 2021, n. 23856 – Pres. Giacinto Bisogni, Rel. Umberto L.G.C. Scotti.

Fallimento - Banca - Credito derivante da un rapporto di conto corrente – Insinuazione al passivo - Prova che ne attesti l'andamento sin dall'inizio – Presupposto necessario.

Data di riferimento: 
03/09/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (22666/2021) – Inopponibilità del credito portato da decreto ingiuntivo privo del decreto di esecutorietà e non compensabilità tra credito verso il fallito e debito opposto in via di eccezione revocatoria.

Corte di Cassazione, Sez.I civ., 11 agosto 2021, n. 22666 – Pres. Magda Cristiano, Rel. Massimo Ferro.

Fallimento – Domanda di insinuazione al passivo – Credito portato da decreto ingiuntivo – Presupposto per l'ammissione – Dichiarazione di esecutività - Necessaria preventiva apposizione.

Fallimento - Domanda di insinuazione al passivo –  Curatore - Eccezione di cd. “revocatoria incidentale” - Credito della massa - Crediti vantati verso il fallito - Compensazione – Esclusione.

Data di riferimento: 
11/08/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (21991/2021) – Fallimento e opposizione allo stato passivo: non determina improcedibilità la mancata comparizione dell'opponente, regolarmente costituitosi, nel corso della prima udienza e nella successiva.

Corte di Cassazione, Sez. VI, 30 luglio 2021, n. 21991 – Pres. Maria Acierno, Rel. Rosario Caiazzo.

Fallimento – Stato passivo – Opposizione – Costituzione dell'appellante – Mancata comparizione per due udienze – Evento comportante improcedibilità ex art. 348 c.p.c. - Esclusione – Giudizio non equiparabile all'appello.

Data di riferimento: 
30/07/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (21826/2021) – Fallimento e opposizione allo stato passivo: la mancata produzione da parte dell'opponente di copia autentica del decreto del giudice delegato non costituisce causa di improcedibilità della domanda.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 29 luglio 2021, n. 21826 – Pres. Magda Cristiano, Rel. Marco Vannucci.

Fallimento – Stato passivo – Opposizione – Copia della decisione del Giudice delegato –  Atto indispensabile a fini decisori - Mancato deposito – Conseguenze – Improcedibilità della domanda – Esclusione – Rimedi esperibili.

Data di riferimento: 
29/07/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (20624/2021) – Come nel fallimento, anche in sede di concordato preventivo il portatore è tenuto, sia che eserciti l'azione cambiaria sia quella causale, a depositare il titolo di credito nella cancelleria del giudice.

Corte di Cassazione, Sez. I civ., 19 luglio 2021, n. 20624 – Pres. Francesco Tirelli, Rel. Andrea Fidanzia.

Concordato preventivo –Portatore del titolo di credito – Esercizio dell'azione cambiaria o dell'azione causale - Cancelleria del giudice - Deposito di quel documento – Necessità.

Data di riferimento: 
19/07/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (19461/2021) - Soggetti legittimati alla presentazione del ricorso immediato per cassazione ex art. 111 Cost.avverso il decreto di omologazione pronunciato in assenza di opposizioni, ai sensi dell'art. 129, comma 4, L. fall.

Cass., Sez. 1, 8 luglio 2021, n. 19461, Pres. Genovese, Est. Fidanzia
Concordato fallimentare - Decreto di omologazione ex art. 129 L.F. - Pronuncia in assenza di opposizioni - Ricorso per cassazione - Soggetti legittimati.
Data di riferimento: 
08/07/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Larino – Fallimento e privilegio processuale spettante al creditore fondiario: considerazioni in tema di assegnazione del ricavato dell'esecuzione immobiliare e di pagamento delle spese maturate dagli organi di quella procedura.

Tribunale di Larino, Ufficio Esecuzioni, 28 giugno 2021 – Giudice dell'esecuzione Rinaldo d'Alonzo.

Esecuzione immobiliare - Pendenza del fallimento del mutuatario – Ricavato della vendita – Creditore fondiario – Assegnazione provvisoria – Positiva insinuazione al passivo – Proposizione impedita da cause esterne - Presupposti necessari - Termine finale.

Data di riferimento: 
28/06/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Bari - Onere del curatore di impugnare lo stato passivo per contestare fatti posti a fondamento dell'accoglimento di una domanda di insinuazione. Natura delle prestazioni poste in essere da un agente sportivo e privilegio spettantegli.

Tribunale di Bari, Sez. IV civ. - Ufficio fallimenti, 21 giugno 2021 (data della pronuncia) – Pres. Raffaella Simone, Rel. Rosanna Angarano, Giud. Assunta Napoliello.

Fallimento – Stato passivo – Domanda di insinuazione – G.D. - Accoglimento seppur parziale -  Fatti storici su cui è basato – Intenzione del curatore di contestarli – Impugnazione della decisione – Percorso necessario.

Data di riferimento: 
21/06/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Corte di Cassazione (16944/2021) – Dichiarazione di fallimento: la proroga del termine per la presentazione delle domande tardive di insinuazione al passivo è ammissibile solo se disposta in sentenza. Decisione sulle spese.

Corte di Cassazione, Sez. VI civ. - 1, 15 giugno 2021, n. 16944 – Pres. Massimo Ferro, Rel. Alberto Pazzi.

Sentenza dichiarativa di fallimento – Particolare complessità della procedura – Adunanza dei creditori – Fissazione dopo il termine di centoventi giorni – Proroga automatica anche del termine per la presentazione delle domande tardive – Esclusione – Necessità che sia prevista espressamente in sentenza.

Data di riferimento: 
15/06/2021
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine