Tribunale di Reggio Emilia – Fallimento: autorizzazione da parte del G.D. al curatore a procedere, ancor prima della predisposizione del programma di liquidazione, alla vendita dei beni, nel caso rischino di perdere di valore.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
24/05/2018

Tribunale di Reggio Emilia, 24 maggio 2018 – G.D. Nicolò Stanzani Maserati.

Fallimento – Azienda del fallito – Offerta d'acquisto – Prospettiva di addivenire alla vendita -   Ritardo – Possibile perdita di valore di quel bene – Programma di liquidazione non ancora predisposto – Svolgimento di una gara competitiva – G.D. - Possibile autorizzazione al curatore ad espletarla da subito.

Laddove affermi che, stante l'insussistenza delle condizioni per l'esercizio provvisorio dell' azienda della società fallita, la stessa rischia una perdita di valore, il curatore può essere autorizzato, ai sensi dell'art. 104 ter, settimo comma, L.F., previo parere del comitato dei creditori, dal giudice delegato, ancor prima della predisposizione e approvazione del programma di liquidazione,  all'espletamento, conformemente alle prescrizioni di cui agli att. 105 e ss. L.F., di una procedura competitiva per la vendita di quell'azienda, prendendo quale prezzo base d'asta l'offerta  già pervenuta ad opera di un potenziale acquirente. (Pierluigi Ferrini – Riproduzione riservata)

 http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/19986.pdf

Uffici Giudiziari: