Corte di Cassazione (25210/2018) – Presentazione di una domanda di concordato preventivo al palese scopo di differire la dichiarazione di fallimento ed abuso del processo.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
20/02/2019

Cassazione civile, sez. VI, 11 Ottobre 2018, n. 25210. Pres. Rosa Maria Di Virgilio, rel. Francesco Terrusi.

Presentazione di una domanda di concordato preventivo al palese scopo di differire la dichiarazione di fallimento - Abuso del processo – Configurabilità.

La domanda di concordato preventivo presentata dal debitore non per regolare la crisi dell'impresa attraverso un accordo con i suoi creditori, ma con il palese scopo di differire la dichiarazione di fallimento, è inammissibile in quanto integra gli estremi di un abuso del processo, che ricorre quando, con violazione dei canoni generali di correttezza e buona fede, nonché dei principi di lealtà processuale e del giusto processo, si utilizzano strumenti processuali per perseguire finalità eccedenti o deviate rispetto a quelle per le quali l'ordinamento li ha predisposti. (Nella specie, la S.C. ha confermato la decisione di merito che aveva ravvisato gli estremi dell'abuso nella riproposizione, pochi giorni dopo la risoluzione del concordato inizialmente omologato ma rimasto inadempiuto, di una ulteriore domanda di concordato, priva di ogni elemento di novità). (massima ufficiale)

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/20916.pdf

Uffici Giudiziari: 
Concetti di diritto fallimentare: