composizione negoziata, Art. 16 - Requisiti di indipendenza e doveri dell'esperto e delle parti.

Tribunale di Udine - Composizione negoziata e presupposti per la richiesta di misure protettive e cautelari inaudita altera parte.

Trib. Udine, 3 aprile 2024, Est. Calienno

COMPOSIZIONE NEGOZIATA DELLA CRISI – Misure protettive e cautelari per inibire l’avvio e/o la prosecuzione di azioni esecutive o cautelari – Provvedimento inaudita altera parte – Ammissibilità – Condizioni.

Data di riferimento: 
03/04/2024
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Corte d'Appello di Venezia - Concordato semplificato quale procedura percorribile all'esito negativo della composizione negoziata: rapporto con il concordato preventivo e con la liquidazione giudiziale.

Corte d'Appello di Venezia, Sez. I civ., 28 marzo 2024 (data della pronuncia) – Pres. Rel. Caterina Passarelli, Cons. Alessandro Rizzieri e Francesco Petrucco Toffolo.

Composizione negoziata – Raccordo con il concordato semplificato – Esito negativo delle trattative – Comportamento del debitore comunque improntato a correttezza e buona fede - Presupposto necessario – Mancato coinvolgimento di tutti i creditori - Esito negativo del piano -. Condizioni che non ne escludono, a priori, la ricorrenza.

Data di riferimento: 
28/03/2024
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Verona – Accesso alla composizione negoziata: la revoca o sospensione degli affidamenti bancari può essere dalla banca disposta solo in presenza di un giustificato motivo da comunicarsi per iscritto al ricorrente.

Tribunale Ordinario di Verona, 22 gennaio 2024 (data della pronuncia) – Giudice Monica Attanasio.

Composizione negoziata della crisi d'impresa - Rapporti con banche e intermediari finanziari - Revoca o sospensione degli affidamenti – Effetto non immediato – Possibilità comunque da parte di quelli di avvalersene – Necessità che comunichino per iscritto all'imprenditore le ragioni della loro iniziativa – Conseguenze che derivano da tale omissione.

Data di riferimento: 
22/01/2024
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Larino – Presupposto per poter accedere alla procedura di composizione negoziata della crisi è l'esistenza effettiva di un'impresa in crisi da risanare e non anche di un'impresa solo formalmente iscritta nello specifico registro.

Tribunale di Larino, 08 giugno 2023 (data della pronuncia) – Giudice Rinaldo d'Alonzo.

Composizione negoziata della crisi d'impresa – Presupposto- Effettiva esistenza di un'imprersa in attività esercizio dell'attività.

Data di riferimento: 
08/06/2023
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Lodi – Composizione negoziata della crisi e richiesta di riconoscimento della misura cautelare consistente nell'imposizione alle banche del divieto di segnalare talune circostanze alla Centrale Rischi e alla Crif.

Tribunale di Lodi, 18 maggio 2023 (data della pronuncia) – Giudice Francesca Varesano.

Composizione negoziata della crisi - Ricorso per la conferma di misure protettive – Contestuale istanza di riconoscimento di misure cautelari - Pronuncia di un'inibitoria nei confronti delle banche – Divieto di segnalare alla Centrale Rischi e alla Crif talune circostanze – Contenuto - Ammissibilità - Fondamento.

Data di riferimento: 
18/05/2023
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Avellino – Composizione negoziata: modalità di riscontro della ricorrenza dei requisiti del fumus boni iuris e del periculum in mora richiesti perché si possa addivenire da parte del tribunale alla conferma delle misure protettive.

Tribunale Ordinario di Avellino, Sez. I civ., 05 dicembre 2022 (data della pronuncia) – Giudice Pasquale Russolillo.

Composizione negoziata dell crisi – Fase giurisdizionale - Procedimento per la conferma delle misure protettive – Natura cautelare – Riconoscimento - Ricorrenza dei requisiti del fumus boni iuris e del periculum in mora -  ecessario riscontro. 

Data di riferimento: 
05/12/2022
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Modena – Composizione negoziata: la resipiscenza del debitore può costituire motivo perché non si proceda da parte del giudice alla revoca delle misure protettive o all'abbreviazione della loro durata.

Tribunale di Modena, Sez. III civ., 29 ottobre 2022 (data della pronuncia) – Giudice Carlo Bianconi.

Composizione negoziata della crisi – Debitore - Violazione degli obblighi di correttezza, buona fede e trasparenza – Creditori - Istanza di revoca delle misure protettive – Resipiscenza effettiva del debitore e perdurante disponibilità dei creditori a trattare – Possibile rigetto di tale istanza.

Data di riferimento: 
29/10/2022
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Firenze – Presupposti richiesti perché l'imprenditore possa accedere alla procedura di concordato semplificato e verifica della ritualità della proposta da parte del tribunale.

Tribunale Ordinario di Firenze, Sez. V, 31 agosto 2022 (data della pronuncia) – Pres. Rel. Maria Novella Legnaioli, Giud. Cristina Soscia e Stefania Grasselli.

Presentazione della proposta di concordato semplificato - Requisiti di ammissibilità richiesti dalla legge – Sussistenza - Valutazione da eseguirsi da parte del tribunale – Estensione.

Data di riferimento: 
31/08/2022
[Questo provvedimento si riferisce al Codice della crisi]

Tribunale di Milano – Composizione negoziata della crisi: ruolo dell'esperto e necessità del suo intervento in sede di svolgimento delle trattative. Presupposto del prolungamento della durata delle misure protettive.

Tribunale Ordinario di Milano, Sez. II civ., 14 maggio 2022 (data della pronuncia) – Giudice designato Francesco Pipicelli.

Composizione negoziata della crisi – Coinvolgimento dell'esperto – Necessaria partecipazione lungo tutta la durata della procedura – Svolgimento delle trattative in particolare – Iniziativa del solo imprenditore – Inammissibilità.

Data di riferimento: 
14/05/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Tribunale di Pescara – Composizione negoziata della crisi: in sede di ricorso per la conferma delle misure protettive e/o cautelari l'esperto non è legittimato a richiedere, a sua volta, l'adozione di misure cautelari.

Tribunale di Pescara, 05 maggio 2022 (data della pronuncia) – Giudice designato Domenica Capezzera.

Composizione negoziata della crisi – Ricorso per la conferma e/o la modifica delle misure protettive e/o cautelari – Proposizione da parte del debitore – Esperto nominato -  Legittimazione a richiedere a sua volta misure cautelari nell'interesse dei creditori – Esclusione – Fondamento.

Data di riferimento: 
05/05/2022
[Questo provvedimento si riferisce alla Legge Fallimentare]

Pagine