Tribunale di Monza – Credito restitutorio/risarcitorio da riconoscersi al Fallimento nei confronti del professionista che abbia svolto in modo inadeguato il compito di assistere il debitore in sede concordataria.

Versione stampabileVersione stampabile
Data di riferimento: 
04/06/2019

Tribunale di Monza, 04 giugno 2019 – Giudice Carlo Albanese

Concordato preventivo -  Professsionista incaricato – Assistenza in sede di presentazione della domanda – Dovere di diligenza – Necessaria informazione circa le riscontrate criticità – Insanabilità di queste - Dovere di dissuaderlo dalla prosecuzione – Mancato avviso - Decreto di inammissibilità della proposta – Conseguente fallimento - Prestazione inadeguata – Obbligo restitutorio/risarcitorio.

Si deve ritenere che comporti un credito restitutorio/risarcitorio del fallimento, nei confronti del professionista in precedenza incaricato di assistere l'impresa poi fallita nella presentazione di una domanda di concordato preventivo, il non avere questi, in quella sede, utilizzato tutte le cognizioni tecniche a sua disposizione affinché le di lui prestazioni risultassero effettivamente idonee a consentire al debitore l'accesso a quella procedura, informandolo, se del caso, anche delle possibili criticità della scelta effettuata, come già evidenziate dal commissario giudiziale, in modo da eventualmente dissuaderlo, dal mantenere, integrandola, ancora in piedi la proposta, in ragione dell'elevata possibilità, comunque, di una sua declaratoria di inammissibilità, e ciò al fine di evitare che, in caso di  conseguente pronuncia di fallimento, il debitore possa essere onerato anche di costi prededucibili nei confronti degli altri professionisti via via incaricati di incombenti accessori alle modifiche della proposta via via inutilmente elaborate. Solo qualora il debitore abbia, nonostante tali avvisi, comunque insistito nel tentativo di accedere a quella procedura, così da accettarne consapevolmente tutti i rischi connessi, il professionista sarebbe poi sgravato da ogni conseguente forma di responsabilità. (Pierluigi Ferrini - Riproduzione riservata)

http://mobile.ilcaso.it/sentenze/ultime/21917

Uffici Giudiziari: